classifica elettrodomestici più energeivori

Selectra ha stilato una classifica degli elettrodomestici di uso comune che hanno il consumo orario medio maggiore. Un modo per rendere le nostre azioni quotidiane più consapevoli

Il costo del gas e dell’energia elettrica è alle stelle e con la crisi internazionale con la Russia che non sembra voler rientrare a breve, con il caro bollette dovremo fare i conti ancora per un po’.

Ecco dunque che diventa assai utile la classifica degli elettrodomestici più energivori stilata da Selectra, il servizio gratuito che confronta le offerte di luce, gas e internet per aziende e privati.

Una classifica che mette nero su bianco il consumo orario medio di ogni elettrodomestico di uso comune. Il consumo reale, infatti, dipende da tanti fattori (un esempio, per il condizionatore d’aria dipende dalla temperatura scelta, dalla modalità e da quante volte viene acceso in un giorno).

Ma questa classifica resta un modo, dunque, per essere più consapevoli dell’impatto sulla bolletta e sull’ambiente delle nostre azioni quotidiane.

La classifica degli elettrodomestici più energivori

La classifica stilata da Selectra prende in considerazione il consumo orario di ogni elettrodomestico. Per comprendere quanto, davvero, ognuno di questi elettrodomestici incide sulle nostre bollette bisogna però tener conto dell’utilizzo che se ne fa.

Per esempio, come vedremo, calcolando il consumo orario, l’asciugacapelli consuma più del condizionatore d’aria. Ma è pur vero che il condizionatore resta acceso – soprattutto in questo periodo di temperature torride – per più tempo. Ma in media una coppia consuma più di 5 euro al mese solo per asciugarsi i capelli.

Insomma, bisogna essere consapevoli delle proprie abitudini di consumo per comprendere a pieno l’impatto che queste hanno su bolletta e ambiente.

Dunque, ecco la classifica degli elettrodomestici più energivori e il relativo consumo orario:

  1.  Stufa elettrica (0,90€/ora)
  2.  Bollitore elettrico (0,73€/ora)
  3.  Asciugacapelli (0,72€/ora)
  4.  Friggitrice ad aria (0,68€/ora)
  5.  Piastra per capelli (0,59€/ora)
  6.  Asciugatrice (0,53€/ora)
  7.  Ferro da stiro (0,45€/ora)
  8.  Forno elettrico (0,42€/ora)
  9.  Aspirapolvere (0,36€/ora)
  10.  Condizionatore d’aria (0,32€/ora)
  11.  Lavatrice (0,14€/ora)
  12.  Lavastoviglie (0,11 €/ora)
Articolo precedenteDonna. Storia e critica di un concetto polemico. Il libro di Paola Rudan
Articolo successivoTorino, via alla sperimentazione dei bus a guida autonoma