AttualitàInquinamento

Arrivano a Civitavecchia i primi portacenere della Campagna “Zero Mozziconi”

Condividi

Arrivano a Civitavecchia i primi portacenere della Campagna “Zero Mozziconi”.

Come spiega il Comune in una nota, le colonnine in totale saranno 56 e si è previsto di dislocarle nella maniera più capillare possibile su tutto il tessuto urbano, con maggiore frequenza al centro e in corrispondenza di uffici pubblici o luoghi particolarmente frequentati (stazione, uffici postali, tribunale, aree commerciali ecc.).

Il progetto, presentato dall’Amministrazione comunale e finanziato, con fondi regionali, dall’Area metropolitana, non prevede però solo la posa dei dispositivi, ma anche una campagna informativa per sensibilizzare la popolazione sul rispetto dell’ambiente cittadino e quindi sulla necessità di non gettare a terra le cicche, ma di utilizzare appunto gli appositi contenitori.

Il materiale della campagna, disponibile al fianco dei dispositivi nei luoghi maggiormente frequentati, avrà una dicitura bilingue per rivolgersi anche al pubblico di visitatori della città.

Come racconta il Sindaco della città, Ernesto Tedesco, “quando a dicembre il Comune è stato oggetto di un simpatico blitz di Jimmy Ghione e della troupe di Striscia la notizia per chiederci cosa stavamo facendo, ci ha trovato preparati: già la passata amministrazione aveva presentato il progetto e noi, ritenendolo particolarmente importante, lo abbiamo proseguito fino al raggiungimento dell’obiettivo”.

“Ho partecipato con piacere alla posa dei primi dispositivi di Zero mozziconi – ha poi l’Assessore all’Ambiente, Manuel Magliani – abbiamo convintamente portato a termine, in continuità amministrativa con quanto impostato dalla precedente giunta, questo progetto perché riteniamo che iniziative come questa servano per inculcare la cultura del rispetto dell’ambiente in tutti i cittadini, anche i non fumatori, che potranno farsi sentinelle del decoro e della pulizia delle nostre strade e piazze”.

(Visited 21 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago