AttualitàGood News

CityWave, a Milano partono i lavori dell’edificio alimentato dalle rinnovabili

Condividi

Partono i lavori per la realizzazione di CityWave a Milano. L’edificio sarà completato entro il 2025 e sarà alimentato da rinnovabili.

Milano, partono i lavori per la realizzazione di CityWave. Il nuovo edificio, che sorgerà nell’area del quartiere CityLife, ospiterà uffici e sarà completato entro il 2025. Ma, soprattutto, sarà alimentato completamente con energie da fonti rinnovabili. Per la struttura, che consumerà il 45% di energia in meno rispetto agli standard, sarà infatti creato il più grande parco fotovoltaico della città, con 11mila metri quadrati di pannelli. Si stima che, con quest’opera, sarà possibile risparmiare 520 tonnellate di CO2.

Il sindaco di Milano, Beppe Sala, ha presentato con entusiasmo l’opera: “La quantità di CO2 risparmiata equivale alle emissioni assorbite da 20mila alberi, questo è un importante segnale di ripresa per tutta la città, che andrà a completare un esempio di design e rigenerazione urbana“. Il cantiere costerà circa 180 milioni di euro e si spera di completare tutto entro il 2025, prima delle Olimpiadi invernali Milano-Cortina.

Clima, nel 2021 in Europa l’estate più calda degli ultimi 30 anni

CityWave è progettato dallo studio BIG – Bjarke Ingels Group. Il rivestimento in pannelli fotovoltaici sarà in grado di fornire una produzione di energia stimata in 1.200 MWh l’anno, grazie a una potenza installata che sfiora i 2 MWh.

(Visited 29 times, 2 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago