Cronaca

CINGHIALI, LA CACCIA SI FARÀ CON ARCO E FRECCE

Condividi

Cinghiali. Per far fronte all’ emergenza cinghiali, la Regione Lombardia valuterà anche l’utilizzo dell’arco come strumento ecologico per attuare la selezione tra i metodi per il controllo delle popolazioni.

È passata in consiglio la proposta del consigliere leghista Ghiroldi. «L’arco è uno strumento ecologico per mettere in atto la selezione dei cinghiali». Per far fronte all’ «emergenza» cinghiali,  la Regione Lombardia valuterà anche «l’utilizzo dell’arco come strumento ecologico per attuare la selezione», tra i «metodi per il controllo delle popolazioni».

Lo stabilisce un punto della mozione, primo firmatario il consigliere della Lega Paolo Ghiroldi, approvata dal Consiglio lombardo, un mese dopo che l’ingresso di alcuni cinghiali sull’A1 ha causato un incidente con un morto e dieci feriti. Il provvedimento è stato votato per parti separate su richiesta del Partito Democratico, che ha espresso voto contrario proprio sul punto riguardante l’uso dell’arco.

CACCIA, LIPU: “COLPITE SPECIE A RISCHIO, COMPETENZA PASSI A MINISTERO AMBIENTE”

Il testo, tra le altre cose, impegna la giunta di Attilio Fontana a predisporre misure perché si possano abbattere cinghiali anche «al fuori degli orari e dei giorni previsti dalla normativa nazionale per la caccia»; ad attivarsi con i parlamentari del territorio per modificare la legge vigente, per far riconoscere la figura dell’ `operatore volontario´, cioè di un cacciatore appositamente formato per l’attività di contenimento con la supervisione delle polizie provinciali; a proseguire gli scambi con i ministeri competenti per far sì che «l’emergenza cinghiali abbia la necessaria attenzione e la disponibilità di tutti gli strumenti previsti dalla legge, compreso lo stato di calamità, per fronteggiare l’escalation di danni a uomini e colture».

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago