Animali

Cina, Zhuhai è la seconda città a vietare il consumo di carne di cani e gatti

Condividi

“Le notizie che ci giungono dalla città di Zhuhai sono estremamente positive per tutti coloro che in Cina e nel mondo stanno lavorando duramente per porre fine a questa brutale realtà”, Martina Pluda, Direttrice di Humane Society International Italia.  ll divieto di consumo di carne di cani e gatti di Zhuhai segue quello già annunciato dalla città di Shenzhen.

La città di Zhuhai, nella provincia del Guangdong, è diventata la seconda città della Cina continentale a vietare il consumo di carne di cani, gatti e fauna selvatica. Si tratta di un passo importante che gli attivisti della Humane Society International sperano darà inizio ad un vero e proprio “effetto domino” per l’emanazione di una legislazione nazionale, allo scopo di porre fine alla macellazione di circa 10 milioni di cani e 4 milioni di gatti, ogni anno.

Cina, cani e gatti non potranno più essere mangiati

Il divieto di Zhuhai segue quello già annunciato dalla città di Shenzhen e la dichiarazione del Ministero dell’Agricoltura e degli Affari Rurali cinese che cani e gatti sono da considerarsi animali da compagnia e non “bestiame“, in merito al quale è stata redatta una nuova white list ministeriale. Proprio a questa fa riferimento il Comitato Permanente del Congresso Popolare del Comune di Zhuhai nel legiferare in merito al consumo di animali. C’è ragione di credere che altre città della Cina continentale stiano considerando di adottare misure simili.

Coronavirus, uno zoo in Germania: “Senza fondi saremo costretti a uccidere alcuni animali”

Martina Pluda, Direttrice di Humane Society International Italia, ha accolto con favore il divieto di Zhuhai: “Le notizie che ci giungono dalla città di Zhuhai sono estremamente positive per tutti coloro che in Cina e nel mondo stanno lavorando duramente per porre fine a questa brutale realtà. Dopo il divieto di Shenzhen e la storica dichiarazione del Governo cinese che classifica i cani come animali domestici, speriamo che inizi un “effetto domino”, a livello legislativo, che coinvolga tutta la Cina. Con così tanti milioni di vittime tra cani e gatti, si trascura spesso il fatto che la maggior parte della popolazione cinese non mangia abitualmente questo tipo di carne ma è anzi favorevole affinché ne venga proibito il consumo. Infatti, ora sembra che, in assenza di un divieto nazionale, le città stiano prendendo in mano la situazione, seguendo l’opinione pubblica cinese”.

Oggi la Humane Society International Italia ha lanciato la petizione per fermare il commercio di carne di cane e di gatto in Asia.

Coronavirus, la Cina sta cercando di esportare gli animali esotici che sono diventati proibiti da mangiare

Per la protezione degli animali si tratta di un enorme passo in avanti che ha effetti altrettanto positivi per la salute pubblica. Il commercio ed il consumo di carne canina rappresentano un pericolo per la salute umana, legato alla diffusione di trichinellosi, colera e rabbia. Quest’ultima è stata rilevata in diversi cani destinati al consumo umano in Cina, Vietnam e Indonesia. In particolare le condizioni antigieniche di trasporto e macellazione degli animali ne favoriscono la diffusione.

Alcuni dati sul commercio di carne di cane in Cina:

  1. Sono 30 milioni i cani che ogni anni vengono uccisi in tutta l’Asia. Si stima che in Cina ci siano oltre 91,49 milioni di cani e gatti tenuti come animali domestici. Si stima che 10 milioni di cani  vengano uccisi annualmente per il commercio di carne solo in Cina.
  2. L’Organizzazione Mondiale della Sanità avverte che tale commercio diffonde malattie come la rabbia e aumenta il rischio di colera.
  3. La maggior parte delle persone in Cina non mangia abitualmente i cani. Infatti, la carne di cane viene consumata solo raramente dal 20% dei cinesi. Un sondaggio del 2017 ha rivelato inoltre, che anche a Yulin, sede del noto festival della carne canina, il 72% degli abitanti non mangia regolarmente carne di cane, nonostante gli sforzi dei commercianti di carne di cane per promuoverla. A livello nazionale, un sondaggio del 2016 condotto dalla società di sondaggi cinese Horizon e commissionato dalla China Animal Welfare Association in collaborazione con Humane Society International e Avaaz, ha rivelato che la maggior parte dei cittadini cinesi (il 64%) vuole che il festival di Yulin venga fermato. Inoltre, più della metà (il 51,7%) ritiene che il commercio di carne di cane dovrebbe essere completamente vietato e la maggioranza (il 69,5%) non ha mai consumato carne di cane.
(Visited 42 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago