AttualitàScienza e Tecnologia

 La Cina atterra su Marte: è il secondo paese dopo gli Stati Uniti

Condividi

Il rover cinese Zhurong, della sonda Tianwen-1, è atterrato su Marte. Lo riferisce l’agenzia Xinhua, citando l’Amministrazione spaziale nazionale cinese. È la prima volta che la Cina fa atterrare una sonda su un pianeta diverso dalla Terra, ricorda l’agenzia.

La Cina ha atterrato  con successo la sua prima sonda spaziale su Marte. Lo riferisce oggi l’agenzia di stampa ufficiale “Xinhua”. La sonda Tianwen-1 è stata lanciata dal sito di lancio di Wenchang, sulla costa della provincia insulare di Hainan, nel sud della Cina, lo scorso 23 luglio, con l’obiettivo di completare in una missione orbitaggio, atterraggio ed esplorazione del pianeta rosso. La sonda è entrata nell’orbita di Marte nel mese di febbraio. Il presidente Xi Jinping si è congratulato per il successo dell’operazione. La Cina è il secondo paese ad atterrare su Marte dopo gli Stati Uniti.

Ambiente, creare vodka dall’aria inquinata: la sfida di Air CO

La Tianwen-1 era entrata nell’orbita di Marte il 10 febbraio scorso. Dopo tre mesi di preparativi in orbita e circa 8 minuti dall’ingresso nell’ atmosfera marziana, la sonda è sopravvissuta ai cosiddetti “sette minuti di terrore” o ai “nove minuti di ignoto”, in cui non è possibile ricevere dalla terra i segnali in diretta a causa del naturale ritardo delle comunicazioni. Il rover ha  toccato la superficie poco dopo le 7:00 locali (l’1:00 in italia). La riuscita dell’operazione è stata confermata dalla China National Space Administration (Cnsa), l’agenzia spaziale cinese, secondo cui il rover Zhurong ha inviato segnali di telerilevamento alla Terra. 

Spazio, parte il primo viaggio con equipaggio usando un razzo riciclato

(Visited 11 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago