Breaking News

CINA, PETROLIERA ESPLODE E AFFONDA. RISCHIO DISASTRO AMBIENTALE

Condividi

Roma. Paura in mare e nuovo rischio per il pianeta. La petroliera iraniana Sanchi che lo scorso 6 gennaio si era scontrata con un mercantile nelle acque del Mar della Cina, è definitivamente affondata. A comunicarlo, la BBC dopo la diffusione della notizia dai media cinesi. A far temere per un possibile danno ambientale, anche l’esplosione a bordo della petroliera, in seguito allo scontro.

Sull’imbarcazione erano presenti oltre 136 tonnellate di petrolio ultraleggero per cui ora si temono le conseguenze della diffusione in mare. A smentire il rischio sono le autorità cinesi, secondo cui non ci sarebbe “nessuna grossa chiazza” di petrolio.

Grande preoccupazione per l’enorme quantità di petrolio dispersa, mentre minimizzano alcuni esperti secondo cui gli idrocarburi sarebbero troppo “volatili, per cui la maggior parte si è dispersa nell’atmosfera causando meno conseguenze per l’acqua”. Il che comunque rappresenterebbe un grave danno all’ecosistema.

Nessuna speranza invece per i 29 marinai dispersi che, secondo le il portavoce della squadra di soccorso, sarebbero “stati uccisi durante la prima ora successiva all’incidente a causa della potenza dell’esplosione e dei fumi di gas”. Dall’Iran intanto è arrivata la notizia del recupero di tre corpi.

La petroliera era parte della National Iranian Tanker Company (Nitc) e trasportava prodotti in consegna alla società sudcoreana Hanwha Total. Al momento dell’incidente si trovava a 300 km a est da Shanghai.

(Visited 233 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago