Attualità

CINA, UNA “GREEN MEGACITY” ALIMENTATA SOLO A RINNOVABILI

Condividi

Pur restando una delle aree più inquinate al mondo, la Cina sta investendo molto sul fronte delle rinnovabili, tentando di colmare un ritardo che rimane in ogni caso forte. E come sempre, lo fa in grande. Dopo il recente progetto della Città-foresta, firmata dallo studio italiano Stefano Boeri Architetti, l’ultima sfida per il paese asiatico è la “green megacity” alimentata esclusivamente grazie alle rinnovabili. Il piano prevede un nuovo agglomerato urbano a un centinaio di chilometri a sud-ovest dal centro di Pechino, che si estenderà per più di 2000 km quadrati, ovvero tre volte la città di Manhattan.

L’idea è quella di creare un agglomerato orientato al rispetto di principi di sostenibilità ambientale e alta efficienza energetica, raggiungibili attraverso l’utilizzo delle tecnologie più avanzate; una nuova città che possa accogliere almeno 2,5 milioni di persone, oltre a diventare la sede di aziende, startup, istituzioni. Perché l’obiettivo del piano è proprio quello di decongestionare Pechino, riducendone inquinamento, traffico e densità abitativa. Il progetto sembra veramente l’inizio di una nuova era per il paese asiatico che, da sempre ossessionato da un’industrializzazione sfrenata, potrebbe iniziare a guardare con altrettanto interesse nei confronti di uno sviluppo più sostenibile e mirato anche al miglioramento delle condizioni di vita della popolazione.

(Visited 5.154 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago