Specie comune e polifaga, attacca piante erbacee e arboree. È uno dei principali agenti dell’aborto traumatico in cui il guscio si forma normalmente ma il seme è atrofizzato e del cimiciato delle nocciole, tra le maggiori avversità del nocciolo.


Come gran parte delle cimici, se disturbata emette sostanze maleodoranti, secrete da ghiandole poste sul torace.

La femmina depone fino a 100 uova in piccoli ammassi dalla caratteristica forma esagonale. Dalle uova fuoriescono ninfe dall’aspetto grossolanamente somigliante a quello dell’adulto, eccezion fatta per l’assenza di ali (emimetabolia). Le ninfe passano attraverso 5 stadi pre-immaginali, nell’ultimo dei quali compare un abbozzo di ali. Esse diventano adulte a settembre, ibernandosi a novembre.

Articolo precedenteRifiuti, A.A.A. tecnologie di riciclaggio cercasi. La Cina è un’occasione per le imprese Ue
Articolo successivoLa cinciallegra