“La mobilità sostenibile è un tema vitale per la Capitale. Pensavo che a Roma fosse impossibile girare in bicicletta. In realtà è bastata fare una cosa elementare per capire che si può andare in giro in bici. Provare”, intervista a Paolo Foschi, giornalista del Corriere della Sera. A cura di Alessandro Di Liegro.


Paolo Foschi è un giornalista del Corriere della Sera, di stanza a Roma, scrittore di libri gialli a sfondo sportivo e appassionato ciclista e nuotatore. Come cultore della materia a pedale e come attento analista delle vicende cittadine è forse uno degli osservatori privilegiati per comprendere il lavoro fatto negli ultimi 5 anni sulla mobilità sostenibile a Roma.

Trasporti, Bianchi: “Basta metro, il futuro è dei tram”

Il 50% degli spostamenti a Roma impiega meno di mezz’ora in macchina con velocità media di 17kmh. Sono tragitti brevi, casa-lavoro, casa-università, casa-spesa. Perché non farli in bici”? Domanda Foschi che poi ha elogiato l’operato dell’amministrazione Raggi in tema di mobilità sostenibile: “Ho molte riserve sull’operato di quest’amministrazione, ma sulla mobilità sostenibile ha fatto un ottimo lavoro: l’estensione della Ztl, le preferenziali, l’aumento dei parcheggi a pagamento, l’idea dell’ ingresso in centro con pedaggio e con un numero limitato di ingressi – prosegue Foschi – Questo è futuro della città. Vanno reperite le risorse con sistemi da tariffazione a pagamento per implementare il trasporto pubblico”. Fa l’esempio di Oslo il cui progetto è quello di vietare in toto il passaggio in città con l’automobile, qualsiasi essa sia.

Rieti Smart Village, Sinibaldi: “Alternativa credibile ai grandi centri urbani”

C’è un però: “Abbiamo visto realizzazioni tanti piccoli frammenti. Bisogna mettere in rete queste piccole ciclabili”. Creare una sorta di “ciclopolitana”, per implementare ulteriormente l’utilizzo della bicicletta (elettrica o muscolare) per realizzare questi brevi spostamenti urbani. Sarebbe un peccato se il prossimo sindaco cambiasse questa impostazione”.
È più difficile mettere la ciclabile a Roma o mettere i romani sulla ciclabile? “Se si fanno le ciclabili i romani ci vanno”, conclude Foschi.

Articolo precedenteAlexa, l’assistente vocale di Amazon diventa green e si prenderà cura della vostra casa
Articolo successivoRifò, il brand che dà vita a nuovi abiti da materiali riciclabili e fibre tessili rigenerate