AnimaliAttualità

All’Italia il Premio Champions Plus Awards per l’Atlante delle migrazioni

Condividi

Champions Plus Awards. L’Italia è stata premiata per il contributo finanziario del ministero dell’Ambiente al segretariato della Convenzione per la conservazione delle specie migratrici appartenenti alla fauna selvatica (conosciuta come Convenzione di Bonn) per la realizzazione di un “Atlante di uccelli migratori nella Regione euroasiatica e nella Regione africana”.

La cerimonia di premiazione del “Champions Plus Award” è avvenuta ieri a Gandhinagar (India, Stato del Gujarat), a margine della tredicesima Conferenza delle Parti della Convenzione sulla protezione delle specie migratorie.

Animali, i Pinguini Tattici Nucleari adottano 100 pinguini imperatore antartici

Uccelli addestrati per raccogliere rifiuti nei parchi: ecco come danno il buon esempio VIDEO

Si tratta di un primo passo concreto per mettere a disposizione della comunità internazionale uno strumento essenziale per promuovere la protezione di tutte le specie migratorie e dei loro ecosistemi.

Oltre all’Italia, sono stati premiati i Paesi e le istituzioni che più si sono distinti per azioni di conservazione delle specie animali migratorie (India, Norvegia, Germania, Commissione europea, Agenzia per l’ambiente di Abu Dhabi e Principato di Monaco).

Animali. A Ventotene un Museo che racconta i misteri della migrazione

“Per l’Italia, paese ponte tra l’Europa e l’Africa nella migrazione dell’avifauna – ha affermato il ministro dell’Ambiente Sergio Costa – è un riconoscimento prestigioso che ci consente di proseguire nei nostri programmi di tutela della fauna selvatica e di avviare un percorso con gli altri Paesi per migliorare la connettività ecologica tra gli ecosistemi del pianeta”.

 

 

 

(Visited 21 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago