Home Attualità Mobilità A Cesana “siamo nati per camminare” e i bimbi vanno a scuola...

A Cesana “siamo nati per camminare” e i bimbi vanno a scuola a piedi

A Cesana siamo nati per camminare e i bimbi vanno a scuola a piedi

Un progetto di mobilità sostenibile ed educazione ambientale spingerà i bambini di 23 classi di elementari e medie di Cesena a capire quanto sia importante lasciare a casa l’auto e utilizzare il mezzo più ecologico di tutti: le proprie gambe. 

Il mezzo di trasporto più sostenibile di tutti sono i propri piedi. È quello che si vuole insegnare alle bambine e ai bambini di 23 classi delle scuole elementari di Cesena che hanno aderito al progetto “Siamo nati per camminare”.

E dunque, andare a scuola a piedi facendo lasciare ai propri genitori le auto a casa sarà l’obiettivo di questa campagna che “dà modo alle scuole di allineare il proprio lavoro sul fronte degli spostamenti e di fare squadra di fronte a una sfida importante che riguarda tutta la comunità”, ha spiegato l’Assessora alla Mobilità Sostenibile e alla Viabilità Francesca Lucchi. 

Nelle prossime settimane scenderanno in campo quartieri, insegnanti, genitori e studenti per prendere parte a un’iniziativa che non solo stimola l’impegno per costruire una città più vivibile e a misura di bambino, ma che si pone in linea con le politiche promosse in questi anni per rendere più sostenibili gli spostamenti casa-lavoro oppure casa-scuola, per ultima la sperimentazione delle zone scolastiche. La campagna offre alle amministrazioni locali un’ulteriore occasione per valorizzare le esperienze in corso in tutto il territorio, e in particolare i numerosi Piedibus. Per questo, da lunedì 20 marzo a venerdì 31 marzo tutti gli alunni e le famiglie delle scuole primarie sono invitati a recarsi a scuola con mezzi sostenibili, rinunciando – laddove è possibile – all’utilizzo dell’auto allo scopo di  azzerare la presenza di mezzi a motore negli spazi antistanti gli ingressi scolastici”, ha concluso l’assessora Lucchi.

Il progetto “Siamo nati per camminare”, dunque, continua a crescere dopo aver toccato diverse città d’Italia.