AttualitàClimaEconomiaInquinamentoPoliticaSaluteScienza e Tecnologia

Centrale Snam a Sulmona, ricorso al Tar degli ambientalisti contro l’autorizzazione di Cingolani

Condividi

Centrale Snam a Sulmona: gli ambientalisti fanno ricorso al Tar contro l’autorizzazione concessa dal ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani.

La mobilitazione contro la centrale di compressione di Snam a Sulmona (L’Aquila) prende le vie legali. Comitati di cittadini e associazioni ambientaliste hanno infatti presentato un ricorso al Tar del Lazio contro l’Autorizzazione integrale ambientale (Aia) rilasciata al gruppo dal ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani.

Pnrr, l’Ue boccia i piani di Eni: “Fondi solo all’idrogeno verde”. Esultano gli ambientalisti: “No al greenwashing”

A presentare il ricorso sono stati i comitati cittadini per l’Ambiente di Sulmona, l’associazione nazionale Forum Ambientalista e il coordinamento No Hub del Gas. Tra le ragioni degli ambientalisti c’è anche il pericolo che una centrale Snam potrebbe rappresentare nell’area: una relazione dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) avverte del gravissimo rischio sismico dell’area del sito.

Questo rischio viene sottaciuto o sottovalutato in tutti i procedimenti autorizzativi, Aia compresa“, viene spiegato tra le ragioni del ricorso. Gli ambientalisti, quindi, continuano la loro mobilitazione: “La lotta contro la centrale fossile di Sulmona e il gasdotto Sulmona-Foligno prosegue, nel quadro sempre più drammatico della questione dei cambiamenti climatici“.

(Visited 42 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago