Roma

CECCANO, ANCORA SCHIUMA NEL FIUME SACCO. CONTINUA L’EMERGENZA AMBIENTALE. VIDEO

Condividi

CeccanoL’emergenza ambientale in Ciociaria continua. Tra ieri notte e questa mattina il fiume Sacco, all’altezza del centro abitato di Ceccano ma anche nei pressi di altri Comuni, è stato invaso da altre abbondanti quantità di schiuma bianca. Nel giro di una settimana il fenomeno si è ripetuto già diverse volte. VIDEO

Il  fiume Sacco torna a ricoprirsi di una densa schiuma che in alcuni punti crea cumuli bianchi. Sabato il Prefetto aveva sequestrato un ex opificio ormai in disuso situato non molto lontano dal fiume e nel cui interno sono accumulate grosse quantità di saponi liquidi, tra detergenti ed ammorbidenti. Mentre si sta indagando se la struttura sequestrata possa essere o meno la fonte dell’inquinamento, ieri sera il fenomeno si è nuovamente riproposto

“In attesa di conoscere dalle analisi disposte dalle Autorità il grado di inquinamento del fiume, chiediamo che vengano definitivamente stabilite le responsabilità dell’inquinamento con il blocco delle attività illegali”, Piergiorgio Benvenuti, presidente nazionale del Movimento ecologista, Ecoitaliasolidale.

Il sindaco di Ceccano Roberto Caligiore, prima dell’incontro al Ministero dell’Ambiente per gestire l’emergenza Sacco, ha dichiarato “Stanotte ho personalmente chiamato tutte le autorità, dai CC forestali al Comandante della Polizia Municipale all’Arpa e alla Polizia Provinciale. Da mezzanotte e fino alle prime luci dell’alba sono rimasti con me e altri volontari a monitorare la situazione vergognosa che ancora una volta ci umilia. Sono criminali della specie peggiore e come tali devono essere trattati e cercarti, abbiamo bisogno di forze in campo e supporto.La nostra è una vera e propria guerra e non possiamo combatterla da soli. Ancora una volta lo voglio urlare, basta!”.

Video di Alex Vigliani (Castro dei Volsci)

(Visited 206 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago