Home Cultura Nasce a Pisa la prima cattedra in comunità energetiche rinnovabili

Nasce a Pisa la prima cattedra in comunità energetiche rinnovabili

cattedra in comunità energetiche rinnovabili a pisa

L’Ateneo pisano ha presentato la cattedra Unesco in Comunità energetiche rinnovabili che contribuirà alla promozione dell’energia pulita

Sarà l’Università di Pisa ad ospitare la prima cattedra italiana in Comunità energetiche rinnovabili. A farlo sapere è lo stesso ateneo toscano che ha presentato al pubblico la “Cattedra Unesco” che vede in prima linea, affianco all’Università, l’Agenzia delle Nazioni Unite, i Centri Nazionali di Ricerca italiano e francese oltre a due partner privati (Eni e Edf).

“È il coronamento di un disegno che l’Università di Pisa ha iniziato a tracciare molti anni fa – ha spiegato il rettore, Paolo Mancarellae attraverso il quale vogliamo contribuire a ricomporre le fratture sociali e ambientali determinate da un modello di sviluppo ormai insostenibile”.

La prima cattedra sulle CER in Italia 

L’Unesco da anni sostiene la nascita di diverse centinaia di cattedre universitarie coerenti con le sue strategie di medio e lungo termine delle Nazioni Unite. In Italia ne esistono una quarantina. Ma questa è la prima ad essere dedicata alle comunità energetiche rinnovabili. L’obiettivo è quello di creare negli studenti il know how per diffondere programmi di sviluppo sostenibile attraverso la promozione dell’uso e della produzione di energia pulita.

Una novità importante, quella della cattedra sulle CER all’Università di Pisa, soprattutto alla luce del ritardo del nostro Paese sulla questione. L’interesse degli italiani non manca, ciò che manca è un sistema burocratico efficace.

“Mancano due documenti importanti”, ha spiegato a TeleAmbiente Livio De Santoli, prorettore dell’Università di Roma La Sapienza. “Non esistendo la possibilità di conoscere la ‘cabina primaria’ alla quale attaccare le grandi Comunità Energetiche rinnovabili non possiamo fare progetti. Questo è un documento di regolazione energetica che deve produrre l’Arera. Poi manca il recepimento della direttiva europea sulle Comunità Energetiche che è quello della incentivazione, della formulazione corretta degli incentivi che vengono dati alle Comunità Energetiche”.