Cultura

CASTELLO DI SANTA SEVERA, OSTELLO, INNOVATION LAB E NUOVI ALLESTIMENTI MUSEALI

Condividi

Castello di Santa Severa, 23 aprile 2018. Il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, presenta alla stampa il nuovo ostello realizzato all’interno del Castello di Santa Severa, insieme ai nuovi allestimenti museali e all’Innovation Lab.

Zingaretti ha spiegato:  “Il Castello di Santa Severa è una bella storia di riconquista di uno spazio troppo a lungo abbandonato. E’ stato chiuso per dieci anni, sono 3-4 anni che ogni anno apriamo con una novità. Quest’anno si riapre con uno spazio museale totalmente reinventato e rivisitato in maniera molto intelligente. Oggi abbiamo presentato l’ostello della gioventù e per le famiglie, forse più bello d’Europa, forse del mondo, sicuramente più romantico. Una scelta di campo, dedicare un bel luogo pubblico alle giovani generazioni e alle famiglie, a una fruizione non per i ricchissimi».

“Purtroppo – ha spiegato il governatore – il Castello era un posto chiuso: lo si vedeva dal mare, dalla spiaggia e per tanti anni è stato abbandonato all’incuria. Erano stati investiti molti milioni di euro per ristrutturarlo, ma mai si era riusciti a ridare vita a questo luogo. Ad un certo punto si era anche deciso, in passato, di venderlo. Noi abbiamo fatto un percorso diverso. E’ importante che i luoghi meravigliosi dello Stato siano aperti e fruibili da tutti e non solo da chi se lo può permettere. Ci auguriamo che davvero il Castello di Santa Severa diventi un luogo per i giovani del mediterraneo».

Zingaretti ha inoltre chiarito che “avere un Castello nel mar mediterraneo che accolga i giovani è anche un segnale di speranza. Promuoveremo una grande associazione per i giovani del Mediterraneo perché Santa Severa diventi un luogo di dialogo e di confronto oltre che di svago e divertimento”.

Il Castello di Santa Severa è situato lungo la costa Tirrenica settentrionale di Roma e rappresenta un patrimonio di inestimabile valore storico e culturale. Il Castello deve il suo attuale nome alla giovane martire cristiana Severa uccisa, insieme ai suoi fratelli, il 5 giugno del 298 d.C.

La prima documentazione scritta del castello risale al 1068, anno in cui il Castello e la Chiesa furono donati dal conte di origine normanna all’Abbazia di Farfa che nel 1130 che la donò a sua volta ai confratelli di S. Paolo.

Nel 1482 Papa Sisto IV lo donò all’Ordine del Santo Spirito che ne fu proprietario fino al 1980. Proprio in questo periodo prende vita il Borgo in cui è visibile in ogni parte lo stemma tipico dell’Ordine: la croce patriarcale.

Dopo un lungo periodo di decadenza, il Castello fu utilizzato anche dai tedeschi come base strategica nel corso della seconda guerra mondiale.

In un’età più recente, il Castello divenne proprietà dell’ Azienda Sanitaria Locale e attualmente della Regione Lazio, che dal 2014 ne ha voluto la riapertura estiva ai visitatori dando la possibilità di fruire di questo straordinario patrimonio.

Grazie ai recenti restauri, il castello si avvia a divenire uno dei più importanti poli culturali settentrionali di Roma. È prevista la creazione di un polo museale che comprenderà i già esistenti Museo Nazionale Antiquarium di Pyrgi, il Museo del Mare e della Navigazione Antica e il nuovo Museo della Rocca, attraverso il quale ripercorrere le vicende storiche del sito.

Nel 2018 saranno inoltre realizzate aree ristoro, bar, caffetteria ed enogastronomia dove verranno offerti prodotti tipici del territorio laziale. All’interno del castello potranno essere concessi in affitto spazi anche ad aziende e privati cittadini per convegni, conferenze, seminari, spettacoli teatrali e musicali oltre che celebrazioni di matrimoni religiosi e civili.

Verrà inoltre realizzato un Innovation Lab che consentirà ai suoi visitatori di godere degli effetti della realtà aumentata, inquadrando anche solo semplicemente con il proprio cellulare l’oggetto di proprio interesse per ricevere informazioni a riguardo.

Video Ostello Castello Santa Severa: https://www.facebook.com/nicolazingaretti/videos/10156186421529034/

(Visited 204 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago