CulturaPolitica

Nascono i Caschi Verdi per la tutela dei beni naturalistici dell’Unesco

Condividi

Caschi verdi. Nascono i ‘Caschi Verdi per l’Unesco’, la task force ambientale frutto di un protocollo di collaborazione sottoscritto con l’istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA).

Si tratta, spiega un comunicato, di un gruppo di 22 esperti tra geologi, biologi, architetti, fisici, che fornirà supporto nelle aree protette e nei territori italiani riconosciuti in ambito internazionale, con l’obiettivo di garantire salvaguardia e valorizzazione dei siti Unesco.

“Ho fortemente voluto – sottolinea Costa – l’inserimento, all’interno del Dl Clima che così entra finalmente nel vivo, della figura dei Caschi Verdi per l’Ambiente, consapevole della necessita’ dei nostri siti di avere piu’ tutele, e di valorizzare maggiormente il nostro patrimonio naturale. A questo programma sperimentale sono destinati 2 milioni di euro per ciascuno degli anni, dal 2020 al 2022″.

Costa: “bandiera bianca della pace sui siti naturalisti UNESCO italiani”

L’Italia, prosegue la nota, presenta un numero significativo, a livello mondiale, di siti ed elementi riconosciuti dall’Unesco, ricadenti anche in aree protette, terrestri e marine, e che rappresentano l’eccellenza di quel forte legame tra capitale naturale e capitale culturale che caratterizza il territorio italiano ed il sistema delle aree protette.
“Per questo motivo – aggiunge il ministro – la loro tutela e valorizzazione deve essere costantemente assicurata e sostenuta attraverso monitoraggi e strategie adeguate”.

Al momento, le richieste di supporto interesseranno 7 soggetti gestori: si tratta di 4 Riserve MAB (Tepilora, Rio Posada e Montalbo; Cilento, Vallo di Diano, Alburni; Sila; Collina Po), 2 Patrimoni mondiali (Etna; Sito di Elea Velia; Parco Nazionale Cilento, Vallo di Diano e Alburni) e 1 Geoparco (Adamello Brenta).

Il supporto riguarderà la definizione di piani di gestione, attività di salvaguardia e valorizzazione, di comunicazione ed educazione ambientale.

Dolomiti, caccia indiscriminata e piste sventrate. Ambientalisti scrivono all’Unesco

“Abbiamo presentato con successo l’iniziativa al direttore generale Unesco, Audrey Azoulay – spiega Costa – con l’auspicata prospettiva che possa essere promossa come buona pratica a livello mondiale”.

Parallelamente all’attività avviata con Ispra, il ministero dell’Ambiente ha interessato sulla costituzione della task force altre istituzioni pubbliche, inviando appositi inviti alla stipula di un protocollo d’intesa analogo alla commissione nazionale italiana Unesco, ai ministeri delle Politiche agricole, dei Beni e delle attività culturali, dell’Istruzione, nonché a Enea, Cnr e Crea.

Caffè patrimonio dell’UNESCO, la Regione Campania presenta la candidatura

“Il numero cosi’ alto di adesioni volontarie ai Caschi verdi avute all’interno dell’ISPRA – dichiara il direttore generale Ispra, Alessandro Bratti – testimonia una volontà che va oltre il semplice incarico d’ufficio. Quello che ci aspetta e’ un compito delicato e pieno di responsabilità, che si svolge sul territorio italiano ma oltrepassa i confini nazionali. Siamo, infatti, fermamente convinti che tutti i siti Unesco debbano essere non solo supportati ma custoditi e valorizzati”.

(Visited 56 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago