Riciclo e RifiutiTerritorio

Carnevale Viareggio, Greenpeace sfila davanti alla balena soffocata dalla plastica

Condividi

Carnevale Viareggio. Greenpeace partecipa al Carnevale di Viareggio portando lo slogan “Il mare non è usa e getta”. Presenti una quarantina di volontari dell’organizzazione ambientalista che hanno sfilato davanti al carro “Alta Marea” realizzato dall’artista Roberto Vannucci per denunciare l’inquinamento da plastica nei nostri mari.

Il carro rappresentava una gigantesca balena morente, di oltre 20 metri, sommersa dalla plastica monouso. «L’uso di plastica usa e getta è cresciuto notevolmente negli anni tanto da rappresentare il 40 per cento della produzione globale di plastica» ha dichiarato Giuseppe Ungherese responsabile Campagna Inquinamento di Greenpeace Italia.

Plastica, al carnevale di Viareggio arriva il grido della balena

«Bisogna intervenire subito sul monouso, molto spesso inutile e superfluo, per salvare i nostri mari e da mesi lo chiediamo alle grandi multinazionali con una petizione sottoscritta da più di tre milioni di persone in tutto il mondo. È importante che da una manifestazione così rinomata e seguita, come il Carnevale di Viareggio, parta un messaggio così urgente per i nostri mari».

Plastica, l’Isola D’Elba diventa plastic- free

 

Plastica, scoperta isola di rifiuti anche in Italia nel Mar Tirreno

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago