CulturaEventi

Carnevale di Viareggio 2020, tra i carri allegorici sfila anche Greta Thunberg

Condividi

L’edizione 2020 del Carnevale di Viareggio sarà dedicata alle “Generazioni”e  non poteva mancare Greta Thunberg nei panni di Dorothy nella favola del mago di Ox. Tra le tematiche ambientali anche carri dedicati alle specie a rischio estinzione, come quello di Luca Bertozzi “a caccia di un lieto fine” che racconta la tragedia delle tigri. 

Dall’uno al 25 febbraio torna il Carnevale di Viareggio con un’edizione dedicata alle “Generazioni”. Dopo il grande successo lo scorso anno del carro di Roberto Vannucci, il grido di dolore di una balena, un appello all’umanità per salvare il mare dalla plastica, anche per questa edizione sfileranno quelli dedicati alle tematiche ambientali.

Plastica, al carnevale di Viareggio arriva il grido della balena

Tra i personaggi celebri che sono stati immortalati dai carristi viareggini non poteva mancare Greta Thunberg, la giovane attivista svedese, nel carro “Home sweet home”, realizzato dalla famiglia Lebigre-Roger, nessun posto è come casa, nei panni di Dorothy del mago di Oz che guida l’umanità verso una nuova presa di coscienza necessaria per salvare la terra.

Vogliamo raccontare che non c’è nessun posto migliore che casa nostra, nonostante ci siano dei problemi dei quali bisogna prendere coscienza. Se abbiamo più cuore, più cervello, più coraggio possiamo affrontare questi problemi e renderci conto che questa terra è l’unica che c’è, non c’è un pianeta b”, spiega l’artista ideatore del carro Benjiamin Lebigre.

Pensiamo che sia un argomento molto attuale e particolarmente sentito – spiega Corinne Roger – e dato che il Carnevale deve anche far riflettere abbiamo deciso di osare. Greta è la paladina delle nuove generazioni che vogliono un mondo più pulito, più rispettoso dell’ambiente, insomma più green. La giovane attivista comparirà dietro un palazzo che inizialmente la coprirà e si alzerà in piedi con quel suo indistinguibile sguardo profondo. Con i piedi nell’acqua terrà fra le mani un mappamondo. Dietro di lei il leone, lo spaventapasseri e l’uomo di latta le daranno manforte dall’alto dei loro oltre dieci metri di altezza“.

Carnevale Viareggio, Greenpeace sfila davanti alla balena soffocata dalla plastica

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Work on progress

Un post condiviso da La Compagnia del Carnevale (@compagnia_del_carnevale) in data:

Tematica ambientale anche per uno dei cinque carri di seconda categoria realizzato da Luca Bertozzi, A caccia di un lieto fine che racconta la tragedia delle tigri a rischio estinzione: “Negli ultimi 100 anni abbiamo perso il 97% delle tigri e proveremo a se sensibilizzare su questo raccontando la storia di una famiglia di tigri”.

Si parte il primo febbraio con la cerimonia di inaugurazione, l’alza bandiera e la prima sfiata dei giganteschi carri realizzati da 23 ditte artigiane con più di 250 professionisti al lavoro. I carri poi torneranno a sfilare sui viali a Mare di Viareggio domenica 9, sabato 15, giovedì 20, domenica 23 e martedì 25 febbraio con il gran finale e la proclamazione dei vincitori.

Carnevale di Ivrea, la battaglia delle arance diventa ecosostenibile

 

“I temi dei carri sono stati scelti in totale libertà, e sono soddisfatta perché rappresentano la società nella sua evoluzione mantenendo quella satira segnata da grande gioia di vivere e allegria. C’è tutta l’attualità, c’è la natura che la fa da padrona con un richiamo gioioso alla responsabilità, ma poi abbiamo temi anche molto positivi. – Maria Lina Marcucci, presidente del Carnevale di Viareggio –La politica c’è, ma non ha quel primo piano che aveva negli ’60 e ’70 però dico che il Carnevale fa politiche anche senza mostrare le facce dei politici perché racconta storie e bisogni della nuova società“.

Il Carnevale di Viareggio ha una dimensione che travalica i confini regionali per la sua storia e per la sua specificità. Questa sarà la 147esima edizione, ancora una volta rinnovata, di una dimensione assolutamente rilevante che per la Toscana rappresenta anche un evento culturale e come tale lo sentiamo e lo sosteniamo“, assessore regionale al Turismo, Stefano Ciuoffo.

Photo copertina di  Carlo Nari

(Visited 1.144 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago