Consumo CriticoTerritorio

Da Carlsberg arriva la prima bottiglia di birra interamente in carta

Condividi

La compagnia danese famosa per la sua birra svela il suo prototipo di una bottiglia fatta di carta, con lo scopo di ridurre gli sprechi.

La Carlsberg, uno dei marchi di birra più importanti al mondo, è pronta a produrre una nuovo tipo di contenitore per la birra, fatto interamente di carta.

La settimana scorsa la compagnia danese ha svelato i due prototipi di quelle che vengono presentante come “le prime due bottiglie di carta del mondo”.

I prototipi per la Green Fibre Bottle sono fatti partendo da fibre di legno proveniente da fonti sostenibili e contengono una barriera interna atta a contenere i liquidi.

Uno dei prototipi usa un sottile strato di polimeri di PET riciclati, mentre l’altro usa un polimero 100% bio, entrami al momento testati per vedere quale riesce a contenere meglio il liquido.

Plastica, Coca Cola produce 3mln di tonnellate di plastica all’anno

L’ambizione della compagnia è quella di creare eventualmente un bottiglia 100% bio, senza uso di polimeri, uno step che fa parte della tabella di Carlsberg verso l’obiettivo Emissioni Zero per i suoi birrifici e un taglio del 30% delle emissioni totali entro il 2030.

Myriam Shingleton, vicepresidente per lo Sviluppo del Gruppo Carlsberg, ha dichiarato che le bottiglie in fibra sono più eco friendly rispetto ai contenitori di alluminio o vetro perchè sono sviluppate in modo totalmente sostenibile, e perchè il materiale “ha un bassissimo impatto sul processo produttivo“.

Mentre il prodotto finale è lontano ancora anni dall’essere completato, la Shingleton ha aggiunto che è entusiasta dei progressi ottenuti fino ad ora.

Birra Ichnusa per l’ambiente : “Vuoto a buon rendere” delle bottiglie VIDEO

“Anche se non siamo ancora arrivati, i due prototipo sono uno step importante verso la realizzazione della nostra ambizione ultima, cioè il poter portare questa scoperta sui mercati“, spiega.

“L’innovazione richiede tempo e noi continueremo a collaborare con i maggiori esperti del settore per superare gli ultimi ostacoli rimanenti.”

La Carlsberg sta lavorando a questo design dal 2015, insieme alla compagnia hi-tech ecoXpac, la compagnia di packaging BillerudKorsnäs e con i ricercatori dell’Università Di Copenaghen.

La Carlsberg non è l’unica azienda che sta cercando di rendere il proprio packaging più sostenibile.

Coca Cola e Pepsi addio alla lobby della plastica: “Non in linea con nostri obiettivi di riciclo”

Recentemente l’Unilever ha lanciato barre di shampoo solide e spazzolini da denti di bambù, mentre la PepsiCo e la Coca Cola hanno piani comuni per iniziare a vendere l’acqua in lattine di alluminio, in modo da ridurre l’uso di plastica.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago