Cultura

CARABINIERI A DIFESA DELLA RISERVA DEL LITORALE ROMANO

Condividi

Roma. Oggi è stato firmato il Protocollo d’intesa con la Raggi, Montino, il ministro dell’Ambiente Galletti e il Comandante dell’Arma Nistri. Un importante passo in avanti per la tutela del patrimonio ambientale dei comuni di Roma e Fiumicino.

Si tratta di un Protocollo d’Intesa per il potenziamento della sorveglianza all’interno della Riserva Naturale del Litorale Romano.

Un firma importante che segna un punto di svolta in difesa dell’ambiente, dopo un lungo percorso a tutela del territorio di cui tanto si è parlato e discusso negli anni.  La Riserva Naturale del Litorale Romano, in quanto area protetta, rappresenta infatti uno degli strumenti fondamentali e irrinunciabili per le strategie di conservazione della biodiversità e dei processi ecologici.

Per questo il Protocollo d’Intesa segna l’inizio della collaborazione tra Ministero dell’Ambiente, Arma dei Carabinieri, Comune di Roma e di Fiumicino per sviluppare una corretta programmazione pianificazione e prevenzione degli incendi boschivi.

Verranno inoltre incentivate le attività di sorveglianza, e saranno definiti dei programmi integrati per il recupero ambientale delle aree boschive percorse dal fuoco, insieme a una serie di iniziative per l’educazione ambientale, la cittadinanza attiva e le buone pratiche gestionali.

(Visited 92 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago