Territorio

Animali, capodoglio ritrovato con di plastica nello stomaco

Condividi

Un piccolo capodoglio è stato rinvenuto in una spiaggia in Galles, con teli di plastica ed altro materiale nello stomaco. Secondo gli scienziati sarebbe questa la causa ad averlo portato alla morte.

Il maschio di circa 22 piedi è stato ritrovato vicino Abersoch ed è il primo rinvenuto in Galles dopo oltre cento anni. L’autopsia ha rilevato che l’animale era malnutrito e sottopeso.

Gli esperti del Cetacean Strandings Investigation Programme e di Zoological Society of London (ZSL) che hanno condotto l’autopsia sono perplessi su come l’animale sia giunto in acque poco profonde, dato che solitamente questa specie vive in acque più calde, nutrendosi di molluschi.

Un altro Capodoglio spiaggiato: un cucciolo di 5 metri ritrovato lungo il litorale di Ostia

Un enorme telo di plastica è stato trovato nello stomaco, insieme ad una grande quantità di corde…Può aver causato impatto nella capacità di digerire dell’animale. Non ci sono elementi per valutare la recente alimentazione dell’animale anche se numerosi molluschi nello stomaco indicano che l’animale è stato svezzato”, Rob Deaville, di ZSL

Gli esperti stanno valutando come il capodoglio, il secondo più piccolo ritrovato su una spiaggia del Regno Unito, possa essere giunto in queste condizioni.

Un rappresentante di British Divers Marine Life Rescue ha avvisato la popolazione di non entrare in contatto con l’animale:  “Balene, delfini e capodogli sono mammiferi come gli esseri umani, perciò possono trasmettere malattie pericolose come noi. Avvisiamo tutti di non avere contatti con la carcassa e con ogni liquido dell’animale per evitare che ci siano infezioni. Ci sono possibilità che l’animale fosse malato.”

Capodoglio rosa spiaggiato, plastica trovata nel suo stomaco. Greenpeace: “Il mare ci sta inviando un grido di allarme” VIDEO

Queste dichiarazioni sono legate all’avvistamento di un altro capodoglio, poi morto dopo essere giunto alla deriva nella costa di Northumberland. In quell’occasione la folla giunse sulla spiaggia per vedere il cetaceo.

Sally Hamilton, direttrice di Orca, un’associazione che raccoglie fondi per balene e delfini: “E’ triste vedere animali come questi capodogli morti sulle nostre coste. Fin quando non ridurremo la nostra dipendenza da plastica e non smetteremo di inquinare gli oceani vedremo sempre più fauna marina in questa condizione”.

Dal momento che l’animale non era di grosse dimensioni, si pensa che possa essere giunto qui dal branco materno. I branchi materni solitamente si trovano nelle acque calde e tropicali del sud della Gran Bretagna mentre i maschi vivono nelle fredde acque del nord.

Capodogli trovati morti: mamma e cucciolo intrappolati nella rete da pesca VIDEO

I capodogli sono tra gli animali che vivono più in profondità nell’oceano, e hanno il cervello più grande sulla terra, cinque volte più pesante di quello umano. Solitamente vivono più di sessant’anni.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago