Roma

Un altro Capodoglio spiaggiato: un cucciolo di 5 metri ritrovato lungo il litorale di Ostia

Condividi

Il triste ritrovamento dell’ennesimo capodoglio spiaggiato, in avanzato stato di decomposizione, sulle coste del Mar Tirreno.  Questa volta l’evento è avvenuto sulle spiagge di Ostia, Roma. Si tratta di un giovane esemplare femmina di capodoglio (Physeter macrocephalus) di circa 5 metri.

Capodoglio spiaggiato, scatta l’allarme: il sesto dall’inizio dell’anno

Capodoglio rosa spiaggiato, plastica trovata nel suo stomaco. Greenpeace: “Il mare ci sta inviando un grido di allarme” VIDEO

Nella giornata del 10 giugno, tra gli stabilimenti L’Ancora e Il gabbiano di lungomare Amerigo Vespucci ad Ostia, l’associazione Oceanomare Delphis Onlus  ha trovato spiaggiato un giovane esemplare femmina di capodoglio.

I ricercatori sono accorsi sul luogo per coadiuvare gli uomini del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera nelle procedure del caso e assicurare l’animale fuori dall’acqua per evitare che le onde lo riportassero alla deriva.  Sono stati allertati gli esperti del CERT – Cetaceans’ strandings Emergency Response Team e l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale Delle Regioni Lazio E Toscana, che provvederanno all’autopsia nei prossimi giorni.

Plastica, quattro capodogli morti in meno di una settimana

“Considerato l’elevato numero dei capodogli spiaggiati, la cui sottopopolazione mediterranea è listata come ‘endangered’ a rischio di estinzione dall’ IUCN  nel bacino tirrenico negli ultimi mesi – spiegano i ricercatori-  è di fondamentale importanza capire le cause della morte di ciascuno di loro, per ottenere un quadro più chiaro della situazione”.

(Visited 166 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago