AttualitàGood News

Capodanno all’insegna del Made in Italy, solo bollicine italiane

Condividi

Capodanno. Sono 5,6 milioni gli italiani che quest’anno hanno scelto di aspettare l’arrivo del nuovo anno fuori dalle mura domestiche.

Oltre 78.000 i ristoranti aperti per la notte di San Silvestro.

Una leggera diminuzione rispetto al 2018 (-1,3%). Protagonista di questa magica notte il Made in Italy.

Secondo la Federazione Italiana Pubblici Esercizi (Fipe), in due locali su tre infatti si brinderà solo con bollicine italiane.

Ottimisti gli operatori che, in 3 casi su 4, ritengono abbastanza probabile il tutto esaurito nel proprio locale.

Nello specifico il 37,8% e’ assolutamente convinto che ci sarà il pienone, il 37,8% lo ritiene assai probabile e solo il 24,4% si dichiara scettico.

Alimentazione, a febbraio a Torino torna il Festival del Giornalismo Alimentare

“Per quanto riguarda la tipologia di offerta – spiega Fipe – 8 ristoranti su 10 si concentrano sul cenone, gli altri su cenone e a seguire il veglione di mezzanotte. La spesa media per il primo caso sarà di 80 euro, che salgono a 105 per il secondo. Il giro di affari complessivo stimato ammonterà a 445 milioni di euro. Inoltre, per la fine dell’anno si registra una grande attenzione da parte dei ristoratori verso i prodotti made in Italy. Infatti, su un totale di 1,6 milioni di bottiglie stappate, lo spumante italiano avrà l’esclusiva nel 64% dei locali. In circa 1 ristorante su 4 si potrà scegliere se festeggiare con bollicine nostrane o champagne – conclude – e solo in poco più del 10% dei locali l’offerta si limiterà al famoso vino francese”.

C’è invece chi ha scelto di andare fuori qualche giorno per festeggiare l’arrivo del nuovo anno.

Non solo alberghi, bed & breakafast e case di amici ma anche agriturismi tra le formule alternative
per trascorrere il Capodanno.

La vacanza in campagna, possibilmente vicino ad una città d’arte o in montagna nei pressi delle piste da sci, è da sempre tra le destinazioni amate dagli italiani che mai come questa’anno hanno deciso di rimanere entro i confini nazionali, l’81% dei casi.

Alimentazione. Arriva MyCia, la Carta d’Identità Alimentare

Secondo un’indagine Coldiretti, sei milioni di italiani partiranno per la fine dell’anno, con un aumento del 20% rispetto allo scorso anno.

Nel tempo gli oltre 23 mila agriturismi italiani, fa sapere la Coldiretti, hanno saputo qualificare notevolmente la propria tradizionale offerta di alloggio e ristorazione, con servizi innovativi per sportivi, nostalgici, curiosi e ambientalisti, come l’equitazione, il tiro con l’arco, il trekking o attività culturali come la visita di percorsi archeologici o naturalistici, ma anche corsi di cucina e wellness.

Il budget stanziato, secondo le stime della Coldiretti, è di 434 euro per persona con un aumento del 7% rispetto allo scorso anno.

Sul podio delle destinazioni nelle vacanze di fine anno, secondo l’indagine della Coldiretti, salgono le città e le località d’arte con il 48% seguite dalla montagna con il 38%, mentre il resto si divide tra terme, mare e campagna.

Il 67% ha scelto di alloggiare in case proprie, di parenti e amici o in affitto mentre il 24% preferisce l’albergo.

(Visited 12 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago