Cultura

Capodanno, quali sono gli alimenti portafortuna che non possono mancare

Condividi

Capodanno. Sono tanti gli italiani che si stanno preparando per festeggiare l’arrivo del nuovo anno. Notte magica che da sempre porta con sé progetti e speranze per il nuovo anno. E se ci fosse un modo per attirare la fortuna?

In ogni parte del mondo vengono tramandati sin dall’antichità dei piatti “propiziatori”, di buon auspicio per l’anno che verrà. .

  1. Lenticchie

Considerato il cibo portafortuna per eccellenza. La loro forma tonda e appiattita ricorda quella delle monetine ed per questo che si dice che le lenticchie portano soldi. Ogni lenticchia, un soldo. Dunque, più ne mangiamo più denaro arriverà.

  1. Fagioli

Diffusi principalmente nella parte meridionale degli Stati Uniti, hanno lo stesso scopo delle lenticchie. Simboleggiando le monete, sono considerati portatori di ricchezza e abbondanza.

È di buon auspicio mangiare i fagioli neri.

Roma, Shopping Street, gli eventi di Natale in Via Fontana Candida

  1. Riso

Se ai matrimoni viene lanciato sugli sposi appena usciti dalla chiesa per augurare loro abbondanza e fertilità, a Capodanno sarebbe perfetto mangiare un risotto per rimanere in tema di fortuna.

In alternativa, possiamo utilizzarne una manciata a crudo per decorare la tavola o presentarlo in graziose ciotoline.

  1. Maiale

Storica figura dei salvadanai, questo animale, che va in cerca del cibo con il naso proteso in avanti, simboleggia il progresso e la sua carne è simbolo di buon auspicio, guadagni e sazietà.

Per questo, sulla tavola di Capodanno non manca mai una ricetta con il maiale.

  1. Peperoncino

Contro invidie, malocchio e ogni genere di guai.

Amuleto portafortuna per eccellenza a Napoli.

Sin dall’età neolitica, gli abitanti delle capanne erano soliti appendere sull’uscio della porta corna di animali, simbolo di potenza e fertilità.

Quando il peperoncino venne importato dal Sud America nell’Italia meridionale, oltre al suo utilizzo in cucina, iniziò ad essere appeso nelle case e nei negozi per difendersi dal malocchio, diventando in breve tempo un sostituto a buon mercato del corno.

Inoltre, anche il suo colore rosso è di per sé elemento portafortuna.

  1. Verdure verdi

Verde dollaro, quindi…soldi.

Mangiare a Capodanno verdure verdi come biete, zucchine, verze, cavoli, broccoli potrebbero portarvi in dono denaro e ricchezze.

Natale, solo una persona su cinque indossa l’abbigliamento natalizio più di una volta

  1. Noodles

Piatto tipico della cucina asiatica,

I noodles, spaghetti fatti con farina di riso, nei paesi asiatici sono simbolo di longevità, ma guai a spezzarli durante la cottura!

Per questo, quando vengono cucinati va fatta molta attenzione ed è preferibile saltarli piuttosto che rigirarli con forchettoni vari.

  1. Uva

Il frutto dell’abbondanza.

In Spagna, tradizione vuole che ne vengano mangiati 12 chicchi proprio allo scoccare della mezzanotte, uno per ogni rintocco dell’orologio della Real casa de Zorreos a Puerta del Sol, una delle piazze più famose di Madrid.

In Italia invece, secondo un’antica tradizione contadina, bisognerebbe mangiare 12 chicchi d’uva, uno per ogni mese, per procacciarsi abbondanza tutto l’anno.

  1. Mandarini

Considerato dal Feng Shui cinese il portafortuna per eccellenza grazie alla sua forma sferica che richiama l’infinito.

Per il Capodanno cinese è tradizione regalare mandarini agli ospiti in segno di buon augurio.

Il mandarino è considerato un simbolo capace di portare prosperità, fertilità e longevità.

È buon auspicio anche utilizzarli per decorare la tavola di Capodanno.

  1. Melagrana

Nella mitologia greca e romana sia la pianta che il frutto erano considerati sacri perché amati dalle dee Venere e Giunone, che spesso venivano ritratte proprio con una melagrana in mano per simboleggiare fertilità e ricchezza.

Ancora oggi in Grecia, si usa far cadere una melagrana in terra davanti alla porta di casa per vedere quanti grani rotolano sul pavimento, e dunque quanti soldi arriveranno.

Le donne greche in procinto di sposarsi mangiavano questo frutto come auspicio di fecondità.

Pranzo di Natale, per quest’anno si punta al plastic free

  1. Frutta tonda: mele , arance, pompelmo e cachi

Nelle Filippine mangiare frutta tonda  è di buon augurio dal momento che la loro forma ricorda sempre quella delle monete.

L’ideale sarebbe mangiare 13 frutti tondi (il numero 13 porta fortuna).

In altri Paesi, invece, è consuetudine mangiarne 12, come il numero dei mesi dell’anno.

  1. Frutta Secca

Avete mai sentito il detto “fare le nozze con i fichi secchi?”

Per gli antichi Romani la frutta secca, anche se poco costosa, era un simbolo beneaugurante, soprattutto durante i matrimoni. Da qui il detto “fare le nozze con i fichi secchi”.

La frutta secca è un portafortuna soprattutto in Francia, dove si devono mangiare ben 13 tipi di frutta secca.

In Italia ci si accontenta di mangiare 7 a Capodanno:  noci, nocciole, arachidi, uvetta, mandorle, fichi e datteri.

Natale, artista crea un albero fatto di taniche di benzina riciclate VIDEO

A portare fortuna sono anche diversi tipi di dolci:

14.Monete di cioccolato

In Grecia, come negli Stati Uniti, è tipico preparare una torta di pan dolce speciale, la “vassilopitta”, al cui interno vengono nascoste delle monetine.

La fortuna, ovviamente, andrà a chi riuscirà a trovarle nella propria fetta.

Per evitare di rompersi i denti mangiando il dolce, possiamo sostituirle, senza inimicarsi la dea bendata, con le monetine di cioccolato che possono anche essere usate per decorare la tavola.

  1. Marzapane

La pasta di mandorle simboleggia la ricchezza. Il suo nome deriva dall’arabo “mauthaban” che significa “moneta”.

Dolce tipico del Sud Italia, con profonde radici in Sicilia, dove viene modellato come frutta e verdura.

Anche in Austria e in alcune zone della Svizzera e in Alto Adige, i maialini di marzapane simboleggiano forza e prosperità e sono particolarmente adatti ai vegetariani che durante la cena hanno sicuramente tralasciato il cotechino.

  1. Struffoli

Immancabili gli struffoli napoletani.

Piccole palline fritte, condite con il miele e decorate con confettini argentati, simbolo, ancora una volta di abbondanza e denaro.

Cosa non mangiare a capodanno

Divieto assoluto di portare in tavola gamberi ed aragoste, che notoriamente camminano all’indietro e dunque simboleggiano lo stallo e il regresso; vietati anche i volatili, per scongiurare il pericolo che la fortuna “voli via”.

 

(Visited 3 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago