Politica

Cani ai seggi, si continua a votare in Gran Bretagna. Anche Johnson non è da meno

Condividi

In Gran Bretagna si continua a votare per le elezioni legislative. E intanto sui social spopola l’hashtag #dogsatpollingstations con il quale gli elettori britannici stanno pubblicando le foto dei loro cuccioli ai seggi. Anche il premier britannico Boris Johnson ha  votato accompagnato dal suo Dilyn.

Le foto e il video del premier britannico Boris Johnson che vota accompagnato dal suo Dilyn non sono le uniche ad essere diventate virali sui social media.

Su Twitter, infatti, spopola l’hashtag #dogsatpollingstations con il quale gli elettori britannici stanno pubblicando le foto dei loro cuccioli ai seggi. Cani di ogni razza e dimensione, qualcuno con il cappellino di Babbo Natale, che aspettano disciplinati i loro padroni.

E nel Kent qualcuno ha deciso di fare le cose in grande presentandosi al seggio a cavallo. Tra i vip che hanno deciso di portare il proprio animale domestico a votare oltre al premier, c’e’ il sindaco di Londra Sadiq Khan che ha pubblicato su Twitter un video assieme alla sua labrador bianca, Luna.

Clima, la Gran Bretagna riconosce lo stato di emergenza climatica

Fine della vendita di cuccioli di cani e gatti in Gran Bretagna

I cittadini britannici sono chiamati alla scelta cruciale per l’uscita del Paese dall’Unione Europea, promessa per il 31 gennaio dal primo ministro uscente Boris Johnson. Il leader conservatore spera di ottenere una chiara maggioranza per attuare l’accordo sulla Brexit che ha negoziato con Bruxelles. Mentre il suo avversario laburista Jeremy Corbyn promette un nuovo referendum sulla Brexit in caso di vittoria. I primi risultati sono attesi dalle 23 (ora italiana).

(Visited 61 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago