canada moria uccelli migratori aviaria

Già partite le analisi del caso.

Migliaia di uccelli acquatici migratori, morti sulle coste orientali del Canada. È quanto scoperto negli ultimi giorni e, dalle condizioni delle carcasse, c’è un forte sospetto che a scatenare questa impressionante moria sia stata l’influenza aviaria. Dal maggio scorso, proprio nel Canada orientale, sono stati accertati 13 casi di aviaria, ma alla luce della recente scoperta il numero potrebbe aumentare esponenzialmente.

Le analisi sulle carcasse, per accertare se si tratti davvero di influenza aviaria, sono già partite. A realizzarle, l’ente pubblico canadese Environment and Climate Change. Peter Thomas, biologo e impiegato del centro, ha spiegato che l’aviaria colpisce soprattutto gabbiani e corvi, ma possono essere contagiati tutti gli uccelli, sia selvatici che domestici. Lo riporta la Reuters.

Alle indagini e alle strategie di contenimento dell’epidemia stanno lavorando diversi enti. Oltre al già citato Environment and Climate Change, sono impegnati in prima linea anche i vari enti locali, la Canadian Wildlife Health Cooperative e il Canadian Wildlife Service.

Articolo precedenteA Venezia arriva il primo summit sulla sostenibilità nell’industria della moda
Articolo successivoAlluvioni in Kentucky, 15 vittime tra cui bambini