Animali

Cambogia, nate 23 tartarughe appartenenti ad una rara specie a rischio

Condividi

23 tartarughe dal dorso di diamante sono nate in Cambogia, dove gli sforzi per la protezione di questa specie a rischio stanno dando i primi risultati.

I conservazionisti stanno festeggiando la schiusa delle uova di una rara specie di tartarughe fortemente a rischio estinzione in Cambogia, dove sono nate più tartarughe negli ultimi mesi che nei tre anni precedenti. 23 tartarughe dal dorso di diamante sono nate nella provincia sud occidentale di Koh Kong, molte delle quali nel fiume Sre Ambel, dove le tartarughe non hanno deposto le uova per oltre 13 anni.

Tartarughe caretta caretta, ecco il primo nido dell’anno in largo anticipo

La schiusa di 23 delle 51 uova alimenta le speranze per la sopravvivenza di questa specie, considerata il rettile simbolo della Cambogia, e ritenuto estinto circa 20 anni fa. “Grazie al supporto ed alla cooperazione continua speriamo che il numero di tartarughe possa aumentare nel corso degli anni” ha spiegato Ken Sereyrotha di Wildlife Conservation Society.

Tartarughe, record di nidi sulle spiagge senza turisti della Thailandia

La pesca illegale e il dragaggio della sabbia nel fiume Sre Ambel sono ritenuti responsabili per la distruzione degli habitat di queste tartarughe, al punto che nel 2017 il Governo ha introdotto una legge per rendere illegale il dragaggio. Le piccole tartarughe sono state misurate e pesate da Wildlife Conservation Society, che le prenderà in cura in uno dei centri prima di liberarle in natura.

Tartarughe, record di nidi sulle spiagge senza turisti della Thailandia

L’Unione Europea sta contribuendo a finanziare il programma per salvare la specie attraverso la ricerca, il monitoraggio e la protezione dei nidi e delle spiagge. La schiusa delle uova è un’altra grande notizia da celebrare dopo quanto avvenuto in Thailandia, dove le tartarughe sono tornate a deporre le uova sulle spiagge in mancanza di turisti.

(Visited 27 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago