Clima

Cambiamento climatico, il 2020 l’anno più caldo mai registrato al mondo

Condividi

L’inverno 2020, da dicembre 2019 a febbraio 2020, ha superato il precedente inverno più caldo, quello del 2016, di quasi 1,4 gradi. “Non sorprende che l’ultimo decennio sia stato il piu’ caldo mai registrato, rappresentando un ulteriore richiamo circa l’urgenza di ambiziose riduzioni delle emissioni per prevenire impatti climatici avversi in futuro”.

Per l’Europa il 2020 è stato l’anno più caldo da quando se ne tenga registro, superando di 0.4 gradi il
2019, sinora l’anno più caldo mai registrato nel nostro continente. Lo fa sapere Copernicus, il servizio di monitoraggio satellitare della Terra dell’Unione europea. Il Copernicus Climate Change Service (C3S) segnala anche che a livello globale il 2020 pareggia con il 2016 quale anno più caldo di sempre a livello globale, il sesto in una serie di anni eccezionalmente caldi iniziata nel 2015, con la decade 2011-2020 che è la più calda mai registrata.

Emergenza clima, un 2020 più caldo e 239 fenomeni meteorologici intensi

Dati, questi, che fanno comprendere come oltre il dato dell’anno più caldo di sempre, a causa dell’emergenza climatica in atto, si debba rilevare come i record nelle temperature si susseguano con una frequenza sempre più
serrata.

Copernicus Climate Change Service (C3S) e Copernicus Atmosphere Monitoring Service (CAMS) segnalano che le
concentrazioni di anidride carbonica nell’atmosfera hanno continuato ad aumentare a un tasso di circa 2,3 parti per
milione/anno nel 2020, raggiungendo un massimo di 413 ppm nel maggio 2020.

Ricapitolando, il 2020 è stato di 0,6 gradi più caldo rispetto al periodo di riferimento standard 1981-2010 e di circa
1,25 gradi al di sopra del periodo preindustriale 1850-1900, Questo rende gli ultimi sei anni i sei più caldi mai registrati. L’Europa ha archiviato il suo anno più caldo mai registrato con 1,6 gradi sopra il periodo di riferimento 1981-2010 e 0,4 gradi sopra il 2019, l’anno più caldo precedente registrato.

CNR, nuove piante per mitigare i cambiamenti climatici

La più grande deviazione annuale della temperatura dalla media 1981-2010 si è concentrata sull’Artico e sulla Siberia settentrionale, raggiungendo oltre 6 gradi sopra la media. Le misurazioni satellitari delle concentrazioni globali di CO2 atmosferica mostrano che la CO2 ha continuato a crescere nel 2020, aumentando di 2.3 ppm (± 0.4 ppm), leggermente inferiore al tasso di crescita dell’anno precedente.

Alcune aree dell’Artico e della Siberia settentrionale, prosegue Copernicus, nel 2020 hanno visto tra le più grandi deviazioni di temperatura annuali dalla media, con una vasta regione che ha visto deviazioni fino a 3 gradi e alcune
località anche di oltre 6 gradi per l’intero anno. Su base mensile, le maggiori anomalie in aumento della temperatura per la regione hanno ripetutamente raggiunto gli oltre 8 gradi.

Clima, gli obiettivi dell’accordo di Parigi sembrerebbero raggiungibili

La Siberia occidentale ha vissuto un inverno e una primavera eccezionalmente caldi, un andamento osservato anche durante l’estate e l’autunno nell’Artico siberiano e su gran parte dell’Oceano Artico. Inoltre, la stagione degli incendi è stata insolitamente attiva in questa regione, con roghi rilevati per la prima volta a maggio, continuando per tutta l’estate e fino all’autunno inoltrato.

Di conseguenza, nel Circolo Polare Artico, in direzione del polo, nell’anno appena passato gli incendi hanno rilasciato una quantità record di 244 megatonnellate di anidride carbonica, oltre un terzo in più rispetto al record del 2019.

Durante la seconda metà dell’anno, il ghiaccio marino artico è stato significativamente inferiore rispetto alla media per questo periodo dell’anno, con luglio e ottobre che hanno visto la più bassa estensione del ghiaccio marino mai registrata per questi due mesi.

In generale, prosegue Copernicus, nel 2020 l’emisfero settentrionale ha registrato temperature superiori
alla media, ad eccezione di una regione sul centro Nord Atlantico. Al contrario, aree dell’emisfero meridionale hanno
registrato temperature inferiori alla media, in particolare nel Pacifico equatoriale orientale, fenomeno associato alle
condizioni più fresche della Niña che si sono sviluppate durante la seconda metà dell’anno.

Il clima è già cambiato. 946 fenomeni metereologici estremi in 507 Comuni

“È importante notare – segnala Copernicusche il 2020 pareggia il record del 2016 nonostante il
raffreddamento della Niña, mentre il 2016 è stato un anno record che è iniziato con un forte riscaldamento del Niño“. El Niño e La Niña sono fasi opposte di un fenomeno oscillatorio delle temperature del Pacifico tropicale noto come El Niño southern oscillation (ENSO), di cui rappresentano la fase calda (El Niño) e quella fredda (La Niña).

L’inverno 2020, da dicembre 2019 a febbraio 2020, ha superato il precedente inverno più caldo, quello del 2016, di quasi 1,4 gradi, mentre l’autunno (da settembre a novembre 2020) ha superato il vecchio record stabilito nel 2006 di 0,4 gradi. Inoltre, l’Europa occidentale ha subito una significativa ondata di caldo tra la fine di luglio e
l’inizio di agosto.

Il 2020 spicca per l’eccezionale calore registrato nell’Artico e per un numero record di tempeste tropicali nel Nord
Atlantico– spiega Carlo Buontempo, direttore Copernicus Climate Change Service (C3S) – Non sorprende che l’ultimo decennio sia stato il più caldo mai registrato, rappresentando un ulteriore richiamo circa l’urgenza di ambiziose riduzioni delle emissioni per prevenire impatti climatici avversi in futuro“.

(Visited 78 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago