AttualitàClima

La Francia non fa abbastanza per i cambiamenti climatici. Lo Stato finisce a processo

Condividi

“Siamo estremamente soddisfatti e felici” – è il commento dei rappresentanti delle quattro Ong (Notre affaire à tous, Greenpeace France, Fondation Nicolas Hulot e Oxfam France) all’uscita del Tribunale amministrativo di Parigi, al termine della prima udienza del processo contro lo stato francese, accusato di non fare abbastanza per ridurre i gas serra, e quindi di non rispettare gli impegni presi con l’Accordo di Parigi sul clima del 2015.

Nel 2018, le quattro associazioni ambientaliste avevano raccolto 2,3 milioni di firme per una petizione al governo francese, intitolata “L’affaire du siecle”, in cui chiedevano di fare di più contro il cambiamento climatico.

NO a OGM vecchi e nuovi! Il futuro dell’agricoltura è salvo? Ecco cosa accadrà

La risposta dell’Esecutivo però non ha soddisfatto le richieste delle Ong che hanno così deciso di intentare una causa legale presso il tribunale amministrativo per inazione climatica da parte dello Stato Francese.

Antartide, le alghe rosse e verdi stanno accelerando il processo di scioglimento dei ghiacciai

La sentenza è attesa fra due settimane, ma giovedì scorso – nel corso della prima udienza – il magistrato incaricato di effettuare le indagini e di redigere un rapporto da consegnare al tribunale amministrativo che dovrà emettere sentenza, si è schierato nettamente dalla parte dell’azione legale intrapresa dalle Ong e dei 2,3 milioni di persone che hanno sostenuto la petizione.

Con la Brexit il Regno Unito esporterà i rifiuti nei paesi più poveri

Il progetto di legge sul clima – spiegano le associazioni ambientaliste – non permetterà di raggiungere l’obiettivo di una riduzione di almeno il 40% delle emissioni nel 2030 in rapporto al 1990, e quindi ancora meno il nuovo obiettivo europeo di una riduzione di almeno il 55% nel 2030″.

Per questo, il procuratore pubblico, Amélie Fort-Besnard, ha chiesto al Tribunale di riconoscere l’inadempienza dello Stato e di assegnare un indennizzo simbolico di 1 euro a ciascuna delle ong ricorrenti.

(Visited 19 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago