Clima

Cambiamenti climatici, Bellanova: “Combatterli piantando alberi”

Condividi

Cambiamenti climatici. Un segnale per dimostrare, ancora una volta, che contro i cambiamenti climatici servono azioni concrete. Il Ministro delle Politiche Agricole, Teresa Bellanova, ha messo a dimora, nell’aiuola di fronte al Ministero in Via XX settembre, un leccio, una pianta resistente e che si adatta bene anche agli ambienti urbani.

“Piantare quest’albero al Ministero significa dire qualcosa di molto preciso – ha detto il Ministro delle Politiche Agricole, Teresa Bellanova – piantare alberi nelle città in un intreccio con i boschi esistenti è importante perché consente di concorrere a contrastare in modo efficace la crisi climatica rinaturalizzando intere porzioni di territorio abbandonato e trascurato; creare veri e propri boschi urbani, connetterli con i boschi delle nostre aree interne, curarli tutti secondo i principi della gestione forestale sostenibile è un imperativo etico ineludibile”.

Teresa Bellanova, ha messo a dimora, nell’aiuola di fronte al Ministero in Via XX settembre, un leccio, una pianta resistente e che si adatta bene anche agli ambienti urbani. Presenti anche Stefano Mancuso, Scienziato e Direttore LINV, Carlo Petrini, presidente Slow Food e Domenico Pompili Vesco di Rieti, promotori dell’appello “Un albero in più” che vuole piantare 60 milioni di alberi in tutta Italia per a contrastare in modo efficace la crisi climatica.

Posillipo senza più verde. Oltre 200 alberi abbattuti

“Il rapporto dell’Intergovernmental panel on climate change – prosegue Bellanova – ci dice come, ben oltre gli attuali 5,5 miliardi di ettari di boschi, il pianeta avrebbe bisogno di un miliardo di ettari in più di foreste. Ne avrebbe bisogno il pianeta e di certo ne ha bisogno il nostro Paese, che pure vede coperto da boschi quasi il 40% del suo territorio. Dinanzi a quanto di drammatico sta accadendo in questi giorni con frane, smottamenti, alluvioni, dissesto idrogeologico, colture danneggiate, io voglio ribadire che la gestione forestale e l’agricoltura sostenibili rappresentano una straordinaria leva di tutela e cura del territorio e anche di ritessitura del paesaggio. Ed è una risposta alla crisi climatica. Se piantare alberi nelle aree che ne sono prive fa parte delle azioni concrete per far fronte al riscaldamento globale, è altrettanto importante avere cura delle zone interne, contrastando l’abbandono e lo spopolamento, sostenendo e rafforzando la selvicoltura e l’agricoltura sostenibili e di qualità. Un settore economico rilevante che mentre produce ha cura della terra e della salute delle persone. Oggi lo affermiamo come valore, anche con questo gesto simbolico”.

Giornata nazionale degli alberi, Conte: “Piantarne uno per abitante entro il 2030” VIDEO

Perché servono le foreste urbane?

Un albero, da solo, assorbe fino a 20 kg di CO2 all’anno. Gli alberi infatti sono sottrattori naturali di anidride carbonica, considerata la principale causa dell’aumento dei gas serra nell’atmosfera terrestre e quindi dell’innalzamento delle temperature. Gli alberi che troviamo nelle nostre città possono raffreddare la temperatura dell’aria dai 2° agli 8°C, riducendo l’utilizzo del condizionatore del 30% e facendo risparmiare dal 20% al 50% sui costi per il riscaldamento.

Come se questo non fosse abbastanza, gli alberi incrementano la permeabilità dei terreni, evitando dissesti idrogeologici, e forniscono cibo agli animali, favorendo la biodiversità. Piantare alberi è la principale soluzione che abbiamo oggi a disposizione per far fronte al riscaldamento globale, per questa ragione, con il decreto clima il Governo ha stanziato 30 milioni di euro per la creazione di foreste urbane.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago