AttualitàClima

Cambiamenti climatici e ambiente, tutti gli appuntamenti green del 2021

Condividi

La lotta ai cambiamenti climatici e la tutela dell’ambiente saranno i protagonisti del 2021. Tanti gli eventi e le scadenze in agenda a partire dai due appuntamenti preparatori della COP26 che l’Italia ospiterà a Milano dal 28 settembre al 2 ottobre 2021: l’evento preparatorio (Pre-COP) e l’evento internazionale dedicato ai giovani “Youth4Climate2021: Driving Ambition”.

  1. Come previsto dalla direttiva europea SUP  (Single Use Plastics), a partire dal 1 gennaio 2021 dovremo dire addio alle stoviglie, ai piatti e alle cannucce in plastica usa e getta. Anticipando la direttiva europea, il nostro Paese, dal primo gennaio 2019 ha messo al bando i cotton fioc non biodegradabili e compostabili.

Elenco dei prodotti o imballaggi soggetti al divieto della direttiva ‘Single Use Plastics’: 

  • Bastoncini cotonati per la pulizia delle orecchie
  • Posate (forchette, coltelli, cucchiai, bacchette)
  • Piatti (sia in plastica che in carta con film plastico)
  • Cannucce
  • Mescolatori per bevande
  • Aste per palloncini (esclusi per uso industriale o professionale)
  • Contenitori con o senza coperchio (tazze, vaschette con relative chiusure) in polistirene espanso (EPS) per consumo immediato (fast-food) o asporto (take-away) di alimenti senza ulteriori preparazioni
  • Contenitori per bevande e tazze sempre in EPS
  • Tutti gli articoli monouso in plastica oxodegradabile

Cambiamenti Climatici, Costa lancia calendario eventi 2021 dedicati all’ambiente

  • Il 26 gennaio 2021 scade il Bando di sviluppo e finanziamento “Horizon 2020 – European Green Deal Call”: La Commissione Europea ha stanziato 1 miliardo di euro destinati a progetti di ricerca e innovazione, per rispondere alla crisi climatica, fornire maggiore protezione alla biodiversità, agli habitat europei e accelerare una ripresa sostenibile.

 

  • Importantissimo per il clima, il rientro degli Stati Uniti negli Accordi di Parigi che gli permetterà di riprendere i negoziati in vista della Cop 26: il Presidente eletto degli Stati Uniti, Joe Biden, sin dalla campagna elettorale ha promesso che una delle prime azioni alla Casa Bianca sarebbe stato un maggior impegno sul fronte dell’ambiente (a partire dal rientro degli Usa nell’Accordo di Parigi).

 

  • Imprese green: la Legge di Bilancio 2021ha definito le modalità per la concessione di un fondo di investimento volto a sostenere lo sviluppo e la competitività delle piccole e medie imprese green dei settori dell’aeronautica nazionale e della chimica verde oltre che le imprese che producono componentistica per la mobilità elettrica ed energia da fonti rinnovabili. Il fondo previsto ha una dotazione di: 100 milioni di euro per l’anno 2021; 30 milioni di euro per anno, tra il 2022 e il 2023; 40 milioni di euro per anno, tra il 2024 ed il 2026.

Flora e fauna a rischio estinzione protagoniste del calendario CITES 2021

  • Come ha detto anche il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, “il 2021 sarà anche l’anno del Recovery Plan, delle progettualità decisive per il futuro del Paese, quindi rivoluzione green, innovazione, digitalizzazione, investimenti in ricerca e formazione. E poi ancora infrastrutture per una nuova mobilità sostenibile, centralità della salute, attenzione all’inclusione e alla coesione territoriale”. Dei 196 miliardi di risorse che l’Esecutivo metterà per le 6 macro aree del ‘ Piano nazionale di Ripresa e Resilienza’, 74,3 miliardi saranno dedicati alla transizione ecologica e all’area del verde.

 

  • La pandemia da Covid-19 purtroppo ha fatto saltare diversi appuntamenti previsti per il 2020, tra questi il Vinitaly che è stato riprogrammato dal 20 al 23 giugno 2021 a Verona.

 

  • In occasione del prossimo del G20 che l’Italia presiederà nel 2021, verrà presentata la prima “Rete internazionale di esperti ambientali” a favore di siti patrimonio mondiale, “Intangible heritage”, riserve della biosfera e geoparchi Unesco, che sarà impegnata ad aiutare sul campo enti gestori e tecnici in azioni di conservazione, gestione, formazione ed educazione ambientale. Il nuovo programma Unesco, promosso dall’Italia – frutto dell’accordo siglato dal ministro dell’Ambiente, Sergio Costa e la direttrice generale dell’Unesco, Audrey Azoulay – è aperto a tutti gli Stati come potenziali donatori.

 

  • La COP26, la conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, si terrà a Glasgow, nel Regno Unito, dall’1 al 12 novembre 2021, sotto la presidenza del governo del Regno Unito.

Clima, la COP26 di Glasgow si terrà tra il 1° e il 12 novembre 2021

Prima della COP26 si terranno in Italia due eventi preparatori:

  • A Milano dal 28 settembre al 2 ottobre 2021: l’evento preparatorio (Pre-COP) e l’evento internazionale dedicato ai giovani “Youth4Climate: Driving Ambition”.

 

  • Sempre nel 2021, prenderà il via la rimozione dei resti delle barre di combustibile fuso dal fondo delle vasche di contenimento presso i reattori danneggiati della centrale nucleare Fukushima Diichi (epicentro del disastro nucleare del 2011). Si inizierà dal reattore n.2 della centrale (la sfida tecnicamente più difficile dell’intero processo di bonifica del sito). La nuova versione del piano presentato dal governo giapponese, prevede anche la completa rimozione delle 741 barre di combustibile contenuti nelle vasche dei reattori da 1 a 6 della centrale entro l’anno 2031. Questa nuova versione, la quinta, mantiene l’impianto generale che prevede la completa dismissione della centrale nucleare dai 30 ai 40 anni dopo il disastro del 2011.
(Visited 85 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago