Territorio

Cambiamenti climatici, Monza aderisce al manifesto Green City Network

Condividi

Cambiamenti climatici. La città di Monza aderisce al manifesto del Green City Network.

Il via libera della Giunta comunale è arrivato durante la seduta di martedì 30 luglio.

Tra gli obiettivi del “decalogo” per l’adattamento ai cambiamenti climatici troviamo anche l’esigenza di far fronte al clima che cambia, a partire dalle città, per avere centri urbani capaci di affrontare questi mutamenti e che contribuiscano a ridurre le emissioni di gas serra attraverso il ricorso alle rinnovabili, al risparmio energetico, alla mobilità sostenibile.

Animali, 200 renne morte di fame. “Colpa dei cambiamenti climatici”

“Monza – ha sottolineato Martina Sassoli, assessore comunale all’Ambiente – sta già mettendo in pratica interventi in grado di adattare il territorio ai cambiamenti climatici, sia sul fronte della mobilità, con politiche volte ad incentivare l’utilizzo del trasporto pubblico”.

Pesci tropicali, possono adattarsi al clima diventando più piccoli

Quali interventi prevede il progetto:

  • lo Sportello Energia per promuovere la sostenibilità ambientale ed
    energetica nel territorio
  • gli sconti, dal 10 per cento al 50 per cento, a chi costruisce o ristruttura in classi energetiche performanti
  • il piano per la costruzione di una rete di stazioni di ricarica per veicoli elettrici
  • il potenziamento del servizio di bike sharing
  • lo sconto del 50 per cento per le bonifiche di aree dismesse con inquinamento di falda accertato
  • il rimboschimento di aree verdi in collaborazione con il privato in caso di convenzione urbanistiche,
  • il monitoraggio dei consumi energetici degli edifici comunali
  • il controllo degli impianti termici con più di mille impianti controllati ogni anno
  • la riqualificazione di edifici scolastici, come la “Ardigo’, a zero consumi”

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago