Cambiamenti climatici, Legambiente: dal 2010 45mila sfollati per maltempo e 340 fenomeni estremi. Sono 198 i Comuni italiani che dal 2010 ad oggi, sono stati colpiti da impatti rilevanti dei cambiamenti climatici con 340 fenomeni meteorologici estremi, 109 casi di danni ad infrastrutture da piogge intense e 157 vittime, oltre a 45.000 sfollati a causa del maltempo.

64 giorni di blackout elettrici dovuti al maltempo e 64 giorni di stop a metropolitane e treni urbani nelle principali città italiane (23 giorni a Roma, 15 a Milano, 11 a Genova, 9 a Napoli, 5 a Torino).

Sono i numeri che emergono dal Rapporto “Sos acqua: nubifragi, siccità, ondate di calore. Le città alla sfida del clima”, realizzato dal Legambiente in collaborazione con Unipol Gruppo e riportati nella mappa del rischio climatico cittaclima.it

Obiettivo del report, che quest’anno pone al centro il tema dell’acqua: raccogliere i danni provocati in Italia dai fenomeni climatici.

La messa in sicurezza delle aree urbane – osserva Legambiente – deve essere la priorità degli interventi climatici. Servono nuove politiche per le città e un regolamento nazionale per l’adattamento climatico, se vogliamo ridurre i pericoli per le persone e evitare crisi idriche”.

Nubifragi, siccità, ondate di calore, sono molti i fenomeni meteo estremi che colpiscono il nostro Paese e che – come riporta il report – “stanno causando danni ai territori, alle città indietro nelle politiche di adattamento al clima e alla salute dei cittadini”.

Il 2017 si è aggiudicato il titolo di anno più caldo di sempre, segnato da siccità e ondate di calore che, tra il 2005 ed il 2016, in 23 città italiane, hanno causato 23.880 morti.

Lo scorso anno, nei quattro principali bacini idrografici italiani (Po, Adige Arno e Tevere) le portate medie annue hanno registrato una riduzione complessiva del 39,6% rispetto alla media del trentennio 1981-2010.

Il Lago di Bracciano ha registrato un abbassamento di 160 centimetri, se si pensa che a Roma è caduto l’82% di pioggia in meno.

Prendendo ad esempio sempre la Capitale, nella sola città di Roma, dal 2000 le ondate di calore hanno provocato la morte di 7.700.

Eppure – evidenzia il rapporto di Legambiente – si continua a sprecare ancora troppo acqua: nel 2015 è stata dispersa il 38,2% dell’acqua immessa nella rete, con perdite che potrebbero soddisfare le domande annuali di 10 milioni di persone.

Articolo precedenteRINNOVABILI, NUOVA DIRETTIVA UE. INTERVISTA DARIO TAMBURRANO (M5S)
Articolo successivoCHI NON RISPETTA LE REGOLE? ITALIA E GERMANIA LE DOPPIE MORALI DELL’EURO