Rifiuti

#Cambiagesto, parte la campagna contro la dispersione nell’ambiente dei mozziconi di sigaretta

Condividi

La campagna #cambiagesto è promossa e finanziata da Philip Morris Italia con il supporto di H+, E.R.I.C.A. e Retake. Si tratta di un’iniziativa volta a incoraggiare l’adozione di comportamenti virtuosi e sostenibili per l’ambiente.

Dopo aver fatto tappa a Palermo, Firenze, Salerno, Livorno e Bari e aver coinvolto e sensibilizzato oltre 50.000 tra volontari e cittadini, con la collaborazione delle Istituzioni e di oltre dieci associazioni locali, la campagna #cambiagesto arriva a Roma con un invito all’Italia intera a cambiare gesto per preservare l’ambiente e la bellezza dei nostri paesaggi.

La campagna, promossa e finanziata da Philip Morris Italia con il supporto di H+, E.R.I.C.A. e Retake, fa leva sul senso di responsabilità individuale, incoraggiando l’adozione di comportamenti virtuosi e sostenibili per l’ambiente.

Sigarette, ecco la foto choch simbolo dell’inquinamento sulle nostre spiagge

Ad oggi la campagna ha risparmiato all’ambiente circa 250.000 mozziconi e nei prossimi mesi proseguirà il suo tour nelle città di Padova (5-24 ottobre), Vercelli (26 Ottobre – 14 Novembre), Genova (16 – 29 Novembre) e Bologna (1-20 Dicembre), con l’obiettivo di continuare a sensibilizzare la società civile su questo tema e sull’importanza dei piccoli gesti per preservare l’ambiente, anche attraverso attività di raccolta e pulizia delle città e la distribuzione di porta mozziconi tascabili ai fumatori adulti.

Stop ai mozziconi di sigarette in spiagge: parte la campagna #CAMBIAGESTO VIDEO

Secondo l”ultima indagine di Legambiente Beach litter 2020 tra le prime dieci tipologie di oggetti rinvenuti sulle spiagge, in ordine di classifica:

pezzi di plastica (14%)mozziconi di sigaretta (14%)pezzi di polistirolo (12%)tappi e coperchi (7%)materiale da costruzione (5%), tra cui calcinacci e mattonelle, tubi di silicone e materiale isolante; pezzi di vetro o ceramica non identificabili (4%)bottiglie e contenitori di bevande (3%)stoviglie usa e getta, tra cui bicchieri, cannucce, posate e piatti di plastica (3%)cotton fioc in plastica (3%)buste, sacchetti e manici (2%).

(Visited 41 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago