Attualità

LA CALIFORNIA E’ IL PRIMO STATO USA A VENDERE NEI NEGOZI SOLO ANIMALI DEI CENTRI DI SOCCORSO

Condividi

La California diventa il primo Stato americano a vietare la vendita di gatti, cani e conigli nei negozi di animali domestici, a meno che non provengano da centri di soccorso.

La legge, in vigore dal 1 ° gennaio, nasce dalla necessita di reprimere le cosiddette “fabbriche di gattini” e “mulini per cuccioli”.

Cani, gatti e conigli venivano infatti allevati privatamente (a scopo di lucro) in condizioni disumane, facendo sviluppare a questi animali problemi di salute a lungo termine.

 Il Pet Rescue and Adoption Act è stato presentato dal membro dell’assemblea Patrick O’Donnell e trasformato in legge dal governatore della California Jerry Brown nell’ottobre 2017.

Per O’Donnell, questa legge è stata una grande vittoria sia per i nostri amici a quattro zampe, che per i contribuenti.

Ogni anno infatti, lo Stato spendeva 250 milioni di dollari per l’eutanasia o il ricovero di questi animali.

La nuova legislazione prevede che ogni negozio conservi i registri su tutti i cani, gatti e conigli e pubblichi “in una posizione ben visibile sulla gabbia o sul recinto di ciascun animale” un cartello che delinei da dove provengono.

Inoltre, i negozi devono rispettare le leggi che richiedono la sterilizzazione oola castrazione degli animali.

Secondo l’American Society for the Prevention of Cruelty to Animals (ASPCA), sono circa 6,5 milioni gli animali domestici  che ogni anno finiscono nei rifugi e 1,5 milioni vengono soppressi.

Judie Mancuso, presidente e fondatrice di NGO Social Compassion in Legislis, ha accolto con favore la legge quando è stata proposta per la prima volta come “un audace passo in avanti”.

Tuttavia, per i critici, la nuova legge renderebbe difficile per i potenziali proprietari trovare razze popolari, osservando che le storie genetiche e mediche degli animali di rifugio non sono sempre conosciute.

Altri hanno suggerito che potrebbe far fallire i negozi.

Mentre la California è il primo stato a emanare una legge statale, altre aree hanno introdotto una legislazione simile a livello locale.

Una scelta che arriva dopo che il governo britannico ha confermato l’introduzione di un analogo divieto di vendita di cuccioli e gattini di terze parti in Inghilterra.

Secondo il testo, attualmente in fase di consultazione, coloro che vogliono acquistare animali domestici di età inferiore a sei mesi dovranno scegliere un animale da soccorso o visitare un allevatore privato.

Soprannominata “la legge di Lucy” dopo il caso di un cavaliere King Charles spaniel maltrattato, la legislazione era anche intesa a reprimere i bassi standard di benessere degli animali nell’industria della riproduzione.

 

(Visited 1.930 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago