Territorio

Vuoi sapere quanta CO2 emetterà il tuo prossimo volo? Ecco il programma per calcolarlo

Condividi

Ormai tutti sappiamo, anche grazie a Greta Thunberg, che l’aereo è uno dei mezzi di trasporto più inquinanti in assoluto. Quello che magari è meno noto è che un singolo volo a lunga percorrenza produce più CO2 di quanta ne produce un abitante di 70 nazioni del mondo in un anno. 

Sapevate che un volo da Roma Fiumicino a Milano Malpensa emette più CO2 di un abitante del Sudan in un anno? E che un volo da Roma – Tokyo produce 1600 chili di biossido di carbonio? Grazie a questo studio realizzato dal Guardian sarà possibile calcolare l’esatto impatto di ogni singolo volo sull’atmosfera.

CALCOLA QUANTE EMISSIONI CO2 EMETTERA’ IL TUO PROSSIMO VOLO 

L’inchiesta sottolinea la sproporzione nell’emissione di CO2 tra chi si può permettere di volare e chi invece vive nelle zone meno industrializzate del pianeta. Per fare un esempio, anche un volo a corta distanza come Londra- Edimburgo produce più biossido di un cittadino somalo o ugandese in un intero anno.

Clima, tassare il cherosene per gli aerei per ridurre dell’8% le emissioni dell’aviazione

Nonostante tutti gli avvertimenti dei giornalisti il 2019 si prevede come un altro anno record per i viaggi in aereo, con i passeggeri che voleranno per circa 8,1 trilioni di chilometri attorno al mondo, il 5% di più rispetto all’anno scorso e il 300% in più rispetto al 1990.

Secondo i dati dell’agenzia no profit Atmosfair, volare da Londra a New York e ritorno genera circa 986 kg di CO2 per passeggero. Ci sono oltre 50 nazioni in tutto il mondo i cui abitanti emettono meno biossido di carbonio in un anno – dal Burundi in Africa al Paraguay in Sud America.

Ma anche un viaggio corto di sola andata come da Londra a Roma produce 234 kg di CO2 per passeggero, più dell’emissione annuale di un cittadino di 17 nazioni nel mondo.

Emissioni CO2, centrali a carbone e aerei i più inquinanti. Dati UE

I dati sono calcolati prendendo in considerazione i modelli di aereo che vengono usati di solito in questi voli e la quantità media di passeggeri per volo. Viene presa in considerazione solo la CO2 generata dai gas di scarico, e non altri gas serra prodotti, per esempio, durante la costruzione dell’aereo o dal vapore acqueo prodotto durante la traversata.

Il settore dei voli aerei conta attualmente per il 2% di tutte le emissioni globali, ed è uno dei settori maggiormente in crescita.

Secondo le proiezioni dei ricercatori dell’ Università metropolitana di Manchester, le emissioni prodotte dagli aerei potrebbero più che raddoppiare entro il 2050, anche se gli aerei dovessero diventare più efficienti dal punto di vista dei consumi e le compagnie aree ottimizzassero i loro piani di volo.

CALCOLA QUANTE EMISSIONI CO2 EMETTERA’ IL TUO PROSSIMO VOLO 

“L’aumento del traffico aereo ha più che raddoppiato i miglioramenti tecnologici,” spiega il dr John Broderick, ricercatore sul clima e trasporti internazionali dell’ Università di Manchester. Solo nel 2019 si calcola che partiranno quasi 40 milioni di voli da tutti gli aeroporti mondiali, quasi 100mila voli al giorno.

Tim Alderslade, direttore esecutivo delle Airlines UK, che controlla 13  compagnie aree inglesi, ha dichiarato: “Ci serve una strategia che incontri le ambizioni del governo di una crescita sostenibile del nostro settore. L’aviazione deve guadagnarsi il diritto di crescere e per questo ci siamo impegnati a dimezzare le nostre emissioni entro il 2050, e stiamo lavorando con il governo per attuare una strategia ambiziosa che ci porterà a un futuro a zero emissioni”.

La crisi ambientale sta seriamente danneggiando la salute umana

Ambientalisti di tutto il mondo intanto stanno pressando i governi per ridurre i voli giornalieri e limitare i futuri ingrandimenti degli aeroporti.

Nel frattempo, se volete calcolare quanta CO2 emetterà il vostro volo, ecco il link all’articolo del Guardian.

 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago