AttualitàGood News

Caffè patrimonio dell’UNESCO, la Regione Campania presenta la candidatura

Condividi

Caffè. La Regione Campania ha deciso di candidare ufficialmente il caffè espresso napoletano come patrimonio dell’umanità.

La candidatura sarà presentata il prossimo lunedì 2 dicembre, a partire dalle ore 9,30, durante il convegno internazionale: “I patrimoni culturali immateriali, tra rito e socialità”, promosso dall’ente regionale, in collaborazione con l’Università degli Studi di Roma Unitelma Sapienza e l’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli.

Plastica, con RiVending nuova vita per bicchieri e palette del caffè

L’idea fu lanciata un paio di anni fa dal consigliere regionale Francesco Borrelli, ma che dopo un primo momento di euforia, fini’ nel dimenticatoio.

A fare pensare di tirar fuori da quel cassetto la proposta, è stata la seconda trasmissione di Report sull’argomento, che registrava una situazione migliorata ma ancora al di sotto della sufficienza secondo il degustatore ufficiale.

Rendere il caffè patrimonio UNESCO, permetterà di affermare l’unicità e l’irriproducibilità di un prodotto tipico del territorio che è famoso in tutto il mondo.

Capsule caffè, impatto sull’ambiente e rischi per la salute

“Il caffè espresso napoletano – spiega Borrelli – possiede della peculiarità proprie che lo caratterizzano e lo differenziano da tutti gli altri tipi di espresso. Puntiamo al riconoscimento Unesco come patrimonio dell’umanità sulla scorta di quanto già avvenuto con la pizza napoletana. Sappiamo che è in atto un iter simile per la candidatura del caffè espresso italiano ma è noto che si tratta di due prodotti diversi. Siamo a favore del riconoscimento internazionale delle eccellenze italiane. Sosteniamo dunque entrambe le candidature e auspichiamo che entrambi gli iter possano concludersi felicemente e aspettiamo che il governo e gli altri promotori facciano lo stesso con la nostra che punta al riconoscimento internazionale di un prodotto che ha esportato Napoli nel mondo“.

Il caffè, come la pizza, è ritenuto qualcosa di intimamente legato al modo di vivere la giornata dei napoletani.

Plastic free, ecco il primo aeroporto con le tazze da caffè riciclabili

Il caffè è una scusa.

Un modo per invitare a un incontro, chiarire una questione, fare pace, scambiarsi informazioni.

O, molto più semplicemente, per stare insieme a qualcuno.

Oggi il mantra italiano vuole che il caffè di eccellenza debba essere cento per cento arabica, ma in realtà anche la robusta ha i suoi grandi pregi e molti ritengono che proprio dal loro incontro nasca la gusta miscela.

Ogni azienda ha i suoi segreti, preferisce non rivelare dove prende la materia prima.

Una situazione molto simile a quella del vino alla fine degli anni 80 dove i segreti erano più rassicuranti della comunicazione e della condivisione.

(Visited 27 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago