Roma

Cactus nelle buche contro il degrado delle periferie romane

Condividi

Un gruppo di ragazzi del VII Municipio era salito alla ribalta l’anno scorso con l’iniziativa “Fiori Cresciuti in mezzo ai  Sampietrini” , nome tratto da una canzone di Carl Brave. Adesso è partita la seconda edizione nelle periferie.

Questa volta si sono uniti a loro personalità del web, della Tv e dello spettacolo: Nicolas Vaporidis a Tor Bella Monaca, Leonardo Bocci degli Actual a Spinaceto e Ludovico Tremont a San Basilio.

Un orto per combattere il degrado: piccoli gesti che fanno la differenza

Passo Civico a Roma ripulisce il Tevere dai rifiuti FOTO

Casale della Cervelletta, Roma. Interventi urgenti di messa in sicurezza. Denuncia Associazioni

“Abbiamo piantato dei mini cactus nelle buche, per segnalarle provocatoriamente all’amministrazione Raggi ma allo stesso tempo per lanciare una denuncia sullo stato di abbandono delle periferie stesse: assenza di servizi, di centri sportivi, di presidi sanitari, di aree verdi. Le periferie romane sono i deserti della Capitale”, spiega Luca Di Egidio, 23 anni, da poco giovane consigliere Dem del VII municipio dopo le dimissioni di Rocco Stelitano.

(Visited 93 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago