Attualità

Plastic free, frutta e verdura sfusa e priva di imballaggi nei supermercati

Condividi

Plastic Free. “Buy bagless” è l’iniziativa plastic free promossa dalla catena di supermercati britannici “Morrisons”. Riguarda frutta e verdura e permetterà di risparmiare sacchetti di plastica per 1.300 tonnellate di plastica all’anno, nei reparti dei 60 punti vendita. La decisione arriva dopo una fase sperimentale durata 10 mesi: i clienti hanno gradito, vendite aumentate del 40%.

I supermercati britanniciMorrisons” avviano “Buy bagless“, l’iniziativa plastic free dedicata al reparto ortofrutticolo. Frutta e verdura sfusa, priva di imballaggi, da acquistare senza ricorrere ai tradizionali sacchetti. I clienti potranno munirsi di propri sacchetti oppure utilizzare i sacchetti di carta riciclata della catena.

Plastica, stop vendita prodotti monouso nei supermercati

La decisione è stata comunicata dalla società dopo una periodo di sperimentazione durato 10 mesi, per testare il gradimento dei consumatori. In tale periodo le vendite sono cresciute del 40% ed è stato deciso che entro la fine del 2019, il “buy bagless” sarà esteso a tutti 60 punti vendita del Regno Unito.

Plastica, differenziata in Gran Bretagna finisce nella giungla malese FOTO

Truffa sacchetti biodegradabili, dopo tre anni ancora intatti

Morrisons prevede che il nuovo sistema plastic free permetterà di risparmiare 3 tonnellate di plastica alla settimana in confezioni, per un totale annuo di 156 tonnellate e 1.300 tonnellate di sacchetti di plastica  che saranno sostituiti da buste di plastica riciclata.

Nell’ultimo anno la catena ha eliminato circa  9 mila tonnellate di plastica da imballaggio.  E stima che saranno  rimossi dai reparti ortofrutticoli 174 milioni di sacchetti in plastica, oltre a 600 tonnellate di polistirolo non riciclabile usato per gli imballaggi dei propri prodotti.

NaturaSì inaugura “Plastic Free”, acqua solo dagli erogatori

(Visited 210 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago