Territorio

Bryan Adams si lancia in acqua e salva una balena dai cacciatori

Condividi

Bryan Adams, tra i rocker i più apprezzati al mondo, ha fatto da scudo umano per salvare una balena che stava per essere cacciata da piccole imbarcazioni locali. Senza alcuna esitazione, il cantante si è lanciato in acqua con la sua tavola da surf per compiere il nobile gesto.

Bryan Adams, autore di successi come “Please Forgive me”, “I do it for you”, si trovava in vacanza sull’isola di Mustique, Caraibi. Mentre si rilassava al sole ha notato delle imbarcazioni che seguivano una balena in transito verso un’area marina protetta.

Balene, misterioso “Blob” oceanico causa la diminuzione delle nascite

“Ho visto dei motoscafi che inseguivano una balena, continuavano a girarle intorno cercando di farle del male. Così, ho deciso di uscire in mare con la mia tavola da surf e mi sono messo tra i cacciatori e la balena”, ha raccontato al giornale locale Searchlight.

Petrolio, surfisti in difesa della costa australiana con il movimento Fight for the Bight

Senza alcuna esitazione, il cantante si è lanciato in acqua con la sua tavola da surf e ha fatto da scudo alla balena. Bryan Adams ha rischiato tantissimo però fortunatamente per lui e per la balena c’è stato un lieto fine. “La balena è rimasta accanto a me per un momento – ha concluso – e poi è sparita”.

Balene, liberate in Russia grazie a una petizione. Tra i firmatari Leonardo Di Caprio

La caccia alle balene purtroppo è una pratica ancora presente in paesi come l’Islanda, la Norvegia, le isole Far Oer e il Giappone.

Balene, continua la caccia in Islanda per i prossimi 5 anni

Norvegia, niente più animali da pelliccia. Ma la caccia alle balene continua 

Nei prossimi cinque anni l’Islanda ucciderà più di duemila balene. Le autorità dell’isola hanno dato il via libera ad un piano di pesca che consentirà ai balenieri ancora in attività di cacciare fino al 2023 circa 430 cetacei all’anno divisi tra balenottere comuni e balene minke.

Cetacei, fai attenzione! 2.0 Al via la campagna per la salvaguardia di balene e delfini nel Mediterraneo

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago