AttualitàGood NewsScienza e Tecnologia

Brooks, arriva Ghost 14: la prima scarpa da corsa a impatto zero

Condividi

Brooks presenta Ghost 14. La nota azienda di calzature sportive ha annunciato l’arrivo della prima scarpa da corsa a impatto zero.

Brooks presenta Ghost 14. La nota azienda di calzature sportive ha annunciato l’arrivo della prima scarpa da corsa a impatto zero, pensata nell’ambito della nuova strategia che ha come obiettivo l’eliminazione totale, entro il 2040, degli scarti di produzione che al momento finiscono semplicemente in discarica.

Flixbus, arrivano gli autobus a biogas: “Emissioni di CO2 ridotte del 75%”

Ghost 14, disponibile sia per uomo che per donna, è realizzata secondo i criteri dell’economia circolare. I modelli Ghost, infatti, finora hanno sempre generato un altissimo volume di emissioni nell’atmosfera e Brooks ha stilato una roadmap sul clima, con sostegno a progetti a favore dell’ambiente, riconversione di uffici e strutture con l’utilizzo di rinnovabili, utilizzo di materiali riciclati e tecniche di tintura a basso impatto.

Brooks, nello scorso dicembre, ha aderito al Climate Pledge e si è impegnata a raggiungere il traguardo di zero emissioni nette previste dall’accordo di Parigi con 10 anni di anticipo. “Se pensiamo che nel mondo oltre 150 milioni di persone corrono all’aria aperta e si godono il pianeta durante le loro corse, è fondamentale per noi assumerci la responsabilità del nostro impatto su di esso“, spiega David Kemp, Senior Manager per la Corporate Responsibility Brooks Running.

(Visited 100 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago