InquinamentoSalute

Brescia e Bergamo le città europee con più morti per inquinamento PM2.5

Condividi

Uno studio dell’Istituto di salute globale di Barcellona ha stilato la classifica delle città con più morti riconducibili a inquinamento da polveri sottili. Torino e Milano nella top10 dei morti per Biossido d’Azoto.

Brescia e Bergamo sono le due città europee con il più alto tasso di mortalità attribuibile all’inquinamento da PM2.5. Nella top10 anche Vicenza (quarta) e Saronno, in provincia di Varese (ottava). E’ il quadro drammatico che si evince da uno studio sull’inquinamento atmosferico condotto dall’Instituto de Salud Global de Barcelona (ISGlobal).

I ricercatori Catalani hanno stilato una classifica del numero di morti attribuibili alla presenza nell’aria di polveri sottili PM2.5 e un’altra che considera il numero di morti attribuibili all’inquinamento da Biossido di Azoto.

 


Anche nella seconda classifica le cose non vanno bene per l’Italia. Il nostro Paese compare due volte con Torino alla terza posizione e l‘area metropolitana di Milano alla quinta.

Più in generale, i dati raccolti dall’ISGlobal dimostrano che, rispettando i nuovi livelli di riferimento sulla qualità dell’aria adottati a settembre dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) “le città europee potrebbero evitare ulteriori 114.000 morti premature ogni anno”Un numero assai maggiore di quello – comunque preoccupante – di qualche anno fa.

Gli scienziati dell’Istituto catalano fanno sapere che “queste stime sono un aggiornamento di uno studio originariamente pubblicato nel gennaio 2021 su The Lancet Planetary Health che ha dimostrato che le città europee potrebbero evitare fino a 51.000 morti premature ogni anno rispettando le raccomandazioni dell’Oms sulla qualità dell’aria, pubblicate nel 2005. Dopo la pubblicazione delle nuove raccomandazioni, il gruppo di ricerca ha effettuato una nuova valutazione del carico di mortalità attribuibile alle polveri sottili (PM2.5) e al biossido di azoto (NO2) nelle stesse 1.000 città europee incluse nello studio originale”.

Si tratta di dati assai allarmanti per il nostro Paese, che raccontano quante vite potrebbero essere salvate se si agisse per pulire l’aria delle città, e che fa il paio con lo studio dell’Agenzia europea dell’ambiente secondo cui Cremona e Vicenza sono tra le 5 città più inquinate d’Europa.

 


“Anche se non esiste una soglia di esposizione sicura al di sotto della quale l’inquinamento atmosferico diventa sicuro – spiega Sasha Khomenko, principale autore dello studio – questi nuovi risultati mostrano come le nuove raccomandazioni globali dell’Oms sulla qualità dell’aria offrano un quadro molto migliore per proteggere la salute umana e prevenire un gran numero di decessi”.

Brescia, fanghi contaminati, intercettazioni choc: “Penso al bimbo che mangia il mais coltivato su questi fanghi, sono un delinquente”

 

(Visited 50 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago