Politica

Brasile, il governo consente l’esportazione di legname proveniente da foreste abbattute illegalmente

Condividi

Per il Brasile le navi che trasportano legname potranno salpare anche senza controlli sull’origine del legname, che potrebbe provenire anche da foreste abbattute illegalmente.

Secondo alcune fonti nell’ultimo anno il Brasile avrebbe esportato migliaia di carichi di legname da un porto in Amazzonia senza l’autorizzazione dell’agenzia federale Ibama.

Brasile, la protezione della Foresta amazzonica passa attraverso i giovani

Dopo che i funzionari europei e statunitensi hanno avvertito il Brasile del problema, il presidente di Ibama Eduardo Bim ha modificato la legislazione per fare a meno delle precedenti autorizzazioni sulle esportazioni. Le modifiche hanno annullato il parere tecnico di cinque analisti che sostenevano la necessità di mantenere le autorizzazioni. Ibama è stata in grado di fornire una descrizione tecnica dettagliata del processo di esportazione del legname senza però menzionare il bisogno di una separata autorizzazione da parte dell’agenzia. L’agenzia ha menzionato le autorizzazioni all’esportazione fornite dal Federal Revenue Service, sostenendo che queste vengono concesse solamente dopo controlli incrociati con il paese da cui provengono le navi per verificarne la legittimità della provenienza. Ibama inoltre effettua ispezioni a campione su carichi di legname destinati ad essere esportati.

Fino a luglio 2019, secondo i dati del governo, il 40% della deforestazione illegale nella Foresta amazzonica è avvenuta nello Stato di Para dove in un anno sono stati abbattuti 3,862 km2 di foresta, un’area grande quanto il Rhode Island. La Foresta amazzonica è la più grande foresta pluviale del mondo e la sua protezione è fondamentale nella lotta ai cambiamenti climatici a causa della grande quantità di gas ad effetto serra che la foresta è in grado di assorbire. La distruzione della Foresta amazzonica lo scorso anno ha attirato le attenzioni della comunità internazionale, con politici e ambientalisti che hanno accusato il Presidente Jair Bolsonaro di aver aperto la foresta a minatori, taglialegna e agricoltori. In risposta il Presidente ha affermato di essere stato ingiustamente demonizzato e che in realtà il Brasile è un esempio per la conservazione della foresta.

Brasile, gli indigeni denunciano “un genocidio” nella Foresta amazzonica

Secondo alcune fonti la decisione di eliminare le autorizzazioni sulle esportazioni di legname è stata presa da Ibama dopo che cinque carichi di legname sono arrivati ​​negli Stati Uniti e nei porti europei all’inizio di quest’anno senza aver avuto l’autorizzazione per partire. Le autorità straniere hanno contattato il Brasile per chiedere informazioni sulla mancanza delle autorizzazioni e il responsabile di Ibama nello Stato di Parà le ha garantite retroattivamente. Il problema tuttavia non riguarda solamente questa spedizione. Nello Stato di Para circa 3,000 navi con 54,000 metri cubi legname hanno lasciato i porti senza le autorizzazioni. Le compagnie hanno richiesto l’autorizzazioni a Ibama ma hanno fatto partire le spedizioni prima di ricevere una risposta dalle agenzie mentre molte spedizioni sono partite anche senza l’approvazione dell’agenzia.

 

Prima della recente modifica gli esportatori di legname dovevano ricevere il permesso dell’agenzia per lasciare i porti brasiliani. La maggior parte delle spedizioni necessitava solamente di un permesso su carta per partire ma alcune di queste venivano ispezionate casualmente. Questo ha permesso agli agenti di individuare navi con tipi di legnami proibiti o quantità di legname oltre la soglia descritta, una pratica molto diffusa fra le spedizioni illegali. “Senza le autorizzazioni sulle esportazioni è più difficile per gli acquirenti controllare la provenienza e la legalità del legname che acquistano”.

Brasile, spaventoso fiume di fango: 50 morti e migliaia di sfollati VIDEO

Con la firma del provvedimento il presidente Bim ha reinterpretato le norme e le leggi esistenti, sostenendo che quindi nella maggior parte dei casi le spedizioni di legname non necessitano dell’approvazione da parte dell’agenzia per partire. Così facendo, Bim ha stabilito che i sistemi che richiedono la registrazione del legno per il trasporto, la lavorazione, il commercio, i consumi e lo stoccaggio non necessitano di un’autorizzazione all’esportazione separata.

(Visited 66 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago