AnimaliAttualità

Bovini bloccati su due navi in mare, Oipa chiede indagine urgente all’Ue

Condividi

Avviare un’indagine urgente sulla violazione del Regolamento europeo sui trasporti di animali. È la richiesta fatta alla Commissione europea dall’Oipa International, l’Organizzazione internazionale protezione animali, per le due navi per trasporto di animali vivi a bordo delle quali centinaia di bovini sono bloccati da due mesi dopo essere stati rifiutati da più Paesi lungo il Mediterraneo per il timore che fossero infetti dal morbo della lingua blu.

Una delle due navi è attraccata a Cartagena in Spagna, ma i veterinari inviati dal governo spagnolo hanno dichiarato gli 864 bovini ancora in vita non possono essere nuovamente trasportati, quindi per loro è stata disposta l’eutanasia. L’altra nave è ora al porto di Famagusta a Cipro.

“È evidente che le navi che trasportavano i bovini, partite entrambe dalla Spagna a dicembre e dirette in Turchia, non sono state in grado d’attuare un piano di emergenza e hanno costretto i poveri animali a vivere un inferno – sottolinea l’Oipadalle prime ricostruzioni, molti animali sono morti di stenti e sono stati gettati in mare. Mentre i superstiti della nave ferma a Cartagena si avviano all’eutanasia, non si hanno ancora notizie certe sul destino degli animali della seconda nave”.

Api, incendio doloso nel casertano: uccisi 700mila esemplari

Oipa International chiede inoltre, come molte altre associazioni, “di porre fine all’esportazione di animali vivi, in quanto incompatibile con il principio di base del Trattato europeo di Lisbona, che all’art. 13 prevede che gli animali siano considerati “esseri senzienti”.

Testo dell’articolo 13 del Trattato di Lisbona: “Nella formulazione e nell’attuazione delle politiche dell’Unione nei settori dell’agricoltura, della pesca, dei trasporti, del mercato interno, della ricerca e sviluppo tecnologico e dello spazio, l’Unione e gli Stati membri tengono pienamente conto delle esigenze in materia di benessere degli animali in quanto esseri senzienti, rispettando nel contempo le disposizioni legislative o amministrative e le consuetudini degli Stati membri per quanto riguarda, in particolare, i riti religiosi, le tradizioni culturali e il patrimonio regionale”.

(Visited 30 times, 4 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago