Animali

Botswana, si indaga sulla morte dei 154 elefanti: escluso il bracconaggio

Condividi

Il Botswana sta indagando sulla morte di 154 elefanti, dopo aver escluso il bracconaggio per mancanza di danni alle carcasse e l’avvelenamento da antrace, molto diffuso nel paese.

Il Botswana sta portando avanti le indagini sulla misteriosa morte di 154 elefanti avvenuta negli ultimi mesi, nonostante le autorità abbiano escluso l’avvelenamento e il bracconaggio dalle possibili cause.

Etiopia, sei elefanti morti in un giorno a causa del bracconaggio illegale

Stiamo ancora aspettando i risultati sulle cause della morte” ha spiegato Dimakatso Ntshebe, Regional Wildlife Coordinator. Le carcasse sono state trovate intatte, fattore che ha portato all’esclusione del bracconaggio mentre le prime indagini hanno escluso l’avvelenamento da antrace, molto diffuso in Botswana. La popolazione di elefanti è in calo in tutta l’Africa tranne che in Botswana, dove vivono un terzo degli elefanti del continente, che ha visto la sua popolazione aumentare dagli 80,000 esemplari di fine anni Novanta ai 130,000 attuali, anche grazie agli sforzi di conservazione.

 

Namibia, dieci elefanti abbattuti per proteggere gli agricoltori e i loro raccolti

Tuttavia l’aumento degli elefanti ha portato a scontri tra animali e agricoltori. Il Presidente Mokgweetsi Masisi lo scorso anno ha rimosso il divieto sulle grandi battute di caccia, imposto dal Presidente precedente, ma la stagione di caccia del 2020 si è rivelata un fallimento a causa delle restrizioni agli spostamenti dovuti al coronavirus. Allo stesso tempo il Wildlife Department sta conducendo un’operazione per ricollocare tutti i rinoceronti a rischio bracconaggio nel paese, emulando gli sforzi fatti in alte parti del continente.

Sudafrica, un team di cani addestrati cattura i bracconieri e protegge le specie a rischio

La popolazione di rinoceronti che vive nell’Okavango Delta è stata la più duramente colpita, con 25 esemplari morti tra dicembre 2019 e maggio 2020. Si tratta di un dato in crescita, considerando che tra ottobre 2018 e dicembre 2019 il numero dei rinoceronti cacciati è stato di 31. “Sia i rinoceronti bianchi che i neri sono stati duramente colpiti. E’ necessario ricollocare la popolazione di rinoceronti neri fortemente a rischio, oltre al dover aumentare la sorveglianza

(Visited 57 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago