TG AmbienteVideo

Arbolia, nuovi boschi urbani nelle città italiane – Tg Ambiente

Condividi

In questo numero del Tg Ambiente, realizzato in collaborazione con ItalPress: 1)Arbolia, nuovi boschi urbani nelle città italiane; 2) Inquinamento da mozziconi, al via la campagna #CAMBIAGESTO; 3) McDonald’s, al via “Le giornate insieme a te per l’ambiente”; 4) Adotta un ulivo e segui il suo recupero

In questo numero del Tg Ambiente, realizzato in collaborazione con ItalPress:

1) Arbolia, nuovi boschi urbani nelle città italiane: Arbolia, la società Benefit creata alla fine dello scorso anno da Snam e Fondazione Cassa Depositi e Prestiti ha donato 10 alberi alla milanese ‘La strada’, in occasione della giornata mondiale dell’ambiente. Aceri, Carpini e Ciliegi saranno curati e successivamente piantati dai ragazzi, assistiti dalla cooperativa che si occupa di seguire e formare minori e adulti in difficoltà nel quartiere Corvetto. Intanto prosegue l’attività di Arbolia, la cui missione è dar vita a nuovi Boschi urbani nelle città italiane. Ad oggi ne sono stati realizzati 6, per un totale di 11000 piante in cinque città italiane: Torino, Parma, Rovigo, Lecce e Pignataro Maggiore in provincia di Caserta. Per i prossimi mesi, previsti in progetto in un’altra ventina di comuni italiani da nord a sud del paese.

Riparte #CAMBIAGESTO, la campagna contro l’inquinamento da mozziconi

2) Inquinamento da mozziconi, al via la campagna #CAMBIAGESTO: In occasione della giornata mondiale dell’ambiente, torna #cambiagesto, la campagna di sensibilizzazione per un corretto smaltimento dei mozziconi. L’obiettivo è quello di proteggere l’ambiente, incoraggiando comportamenti virtuosi. Promossa e finanziata da Philip Morris Italia, l’iniziativa ha ottenuto il patrocinio del Ministero della Transizione Ecologica ed è realizzata con supporto dei volontari delle associazioni ambientaliste, da sempre impegnate contro i fenomeni delle letterine. #Cambiagesto toccherà quest’anno 18 città italiane. Tra le associazioni partner, Plastic free, che da anni si impegna per coinvolgere la cittadinanza sui temi dell’inquinamento da plastica.

 

3) McDonald’s, al via “Le giornate insieme a te per l’ambiente”: Combattere il fenomeno sempre più attuale del littering, ovvero la dispersione incontrollata di rifiuti nell’ambiente. È questo l’obiettivo della nuova iniziativa ideata da McDonald’s in collaborazione con FISE, Assoambiente e Utilitalia. Partito da Milano, il grande progetto di volontariato aziendale proseguirà nel resto del paese coinvolgendo cittadini e istituzioni locali. Un’iniziativa che contribuisce anche raggiungere gli obiettivi europei in tema di riciclo dei materiali.

Adotta un ulivo, segui il suo recupero e salva il patrimonio agricolo toscano

4) Adotta un ulivo e segui il suo recupero: Adotta un ulivo salvandolo dall’abbandono, segui il suo recupero e ricevi anche a casa olio extravergine d’oliva biologico. È l’idea della start up pistoiese, Ager Oliva, che ha l’obiettivo di recuperare il territorio, contribuire a creare posti di lavoro nel settore della coltivazione, tornare a rendere produttivo l’ulivo e aumentare la produzione di extravergine toscano, sempre più richiesto sui mercati internazionali. La spinta parte da un grido d’allarme di Coldiretti che ha segnalato l’esistenza in Toscana ci sono quattro milioni di piante di ulivo abbandonate.  Adottare un ulivo è semplice, è sufficiente collegarsi al portale ageroliva.it e scegliere sia la zona geografica che la singola pianta. Non solo è possibile dare il nome alla pianta ma si può anche fargli visita. Ad oggi, Ager Oliva ha salvato 600/700 ulivi, seguendo in prima persona tutto il processo dall’inizio del recupero al prodotto finito, seguendo un procedura rigorosa.

(Visited 24 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago