Riciclo e RifiutiRoma e DintorniTerritorio

Borracce in regalo e compattatori: il programma plastic free nelle spiagge

Condividi

Plastic Free. Borracce in regalo e compattatori per imballaggi è quanto previsto dal progetto “Dune Plastic Free”  lanciato da Sabaudia (Latina) per ridurre  la plastica sul litorale. Vietati inoltre piatti e posate di plastica ai gestori dei lidi. E in regalo la fiaschetta da boy scout ai turisti. 

Sabaudia Plastic Free, per aderire al programma regionale “Plastic Free Beach 2019”, la “città delle dune” ha realizzato un progetto  da presentare alla Regione Lazio al fine di ottenere il fondo concesso ai comuni del litorale laziale che vi partecipino.

Plastica, nel Lazio al via il progetto ‘Plastic Free Beach 2019’

Anzio, Le “OndeVagabonde” ripuliscono la spiaggia dai rifiuti

Dune Plastic Free” prevede due iniziative:

  • La prima riguarda l’installazione e la messa in funzione di 3 compattatori esterni per imballaggi di plastica da posizionare, in via sperimentale, lungo il tratto di accesso alle spiagge in prossimità del ponte Giovanni XXIII.
  • La seconda, volta ad incentivare il minor utilizzo e il maggior recupero della plastica nei tratti di spiaggia libera, prevede la distribuzione gratuita da parte del comune di oltre 2 mila borracce per l’acqua riutilizzabili ai fruitori del litorale.

L’ordinanza della sindaca Gervasi vieta ai gestori dei lidi di usare piatti e posate di plastica. E in regalo ai turisti la classica fiaschetta dei boy scout.

Spiaggia invasa dalla plastica, scatta l’allarme. VIDEO

Flaconi di plastica sulla spiaggia dopo mezzo secolo in mare

“Sabaudia da sempre è uno dei territori simbolo nel Lazio per l’ambiente e la natura – ha dichiarato il sindaco, Giada Gervasi – e quindi era doveroso avviare un percorso che coinvolgesse i frequentatori delle nostre spiagge in un progetto di protezione e salvaguardia dello splendido lido che scelgono come luogo per il loro divertimento e riposo”.

 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago