AttualitàInquinamentoPoliticaRiciclo e RiusoRifiuti

Boris Johnson: “Riciclare la plastica non è la risposta all’inquinamento”. La frase divide tutti

Condividi

Boris Johnson: “Riciclare la plastica non è la risposta all’inquinamento”. Forse un’uscita infelice, forse una frase spiegata male. L’unica certezza è che le parole del premier britannico ora dividono l’opinione pubblica.

Riciclare la plastica non funziona e non è la risposta alle minacce dell’inquinamento verso gli oceani e le specie marine“. A pronunciare questa frase è Boris Johnson, premier della Gran Bretagna che si accinge a ospitare la Cop26, la prossima Conferenza dell’Onu sul clima. Probabilmente, si tratta di un’uscita infelice e di una frase spiegata male e, forse, interpretata anche peggio. Il primo ministro britannico, rispondendo alle domande di alcuni bambini, ha poi aggiunto: “Il riutilizzo della plastica non serve a risolvere il problema, bisognerebbe che tutti smettessimo di usare la plastica“.

Cop26, il premier indiano Modi ci sarà. Ma Boris Johnson teme un fallimento

L’unica certezza è che le parole di Boris Johnson hanno diviso non solo l’opinione pubblica, ma anche gli stessi ambientalisti. L’Associazione britannica per il riciclo e l’Associazione Simon Ellin hanno definito “molto deludenti” le parole del premier britannico. Ci sono però anche degli elogi, da parte di alcuni attivisti contro l’uso della plastica: “Ha mostrato di avere buoni propositi, ora prenda misure più drastiche e concrete“.

Boris Johnson sommerso da una montagna di plastica, lo spot di Greenpeace contro l’esportazione di rifiuti

Nei mesi scorsi, Boris Johnson era stato attaccato ferocemente da Greenpeace, con un video che lo prendeva di mira per le enormi esportazioni di plastica dalla Gran Bretagna all’estero (in particolar modo verso Turchia e Malesia).

(Visited 39 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago