AttualitàInquinamento

Bonifiche, sottoscritto accordo di programma per Sin Biancavila: stanziati circa 17 mln di euro

Condividi

Bonifiche. E’ stato sottoscritto tra il ministero dell’Ambiente, la Regione Siciliana e il Comune di Biancavilla l’accordo di programma “per la realizzazione degli interventi di messa in sicurezza e bonifica delle aree comprese nel Sito di interesse nazionale di Biancavilla”, che assegna circa 17 milioni di euro per gli interventi di messa in sicurezza permanente e ripristino ambientale dell’area di cava Monte Calvario per la fruibilità come parco.

Con la stipula dell’atto sono state assicurate le risorse necessarie per la progettazione ed esecuzione degli interventi di bonifica affidate alla Regione Siciliana e al Comune di Biancavilla, rispettivamente in qualità di soggetto responsabile unico dell’attuazione e soggetto attuatore.

Bonifiche, uno stagno didattico per ridare voce e forza alla natura

Rendere fruibile un’area considerata per anni pericolosa per la salute umana rappresenta una sfida per i sottoscrittori dell’accordo, che pone come scadenza di spesa delle risorse assegnate il 2025.

Antartide, lo studio: “La perdita di ghiaccio continuerà senza sosta per un lungo periodo”

“La sottoscrizione dell’accordo – osserva il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa rappresenta un passo importante per la bonifica di una delle aree più critiche presenti nel Sin, istituito nel 2001. Si potrà avviare così la decontaminazione dall’amianto, una delle sostanze cancerogene più infide e pericolose. La Sicilia e l’Italia tutta hanno bisogno di bonifiche. Le bonifiche del Paese, buchi neri che aspettano una soluzione da decenni, sono una priorità. Proprio per questo ho creato al ministero una direzione ad hoc. Il lavoro è enorme, ma interloquendo con gli enti locali, le aziende e i territori ce la faremo”.

 

(Visited 15 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago